Cronaca

33enne suicida ad Eboli. Gli amici: «traumatizzato da un incidente mortale»

EBOLI. Giuseppe Rossini, 33enne di Eboli, morto suicida lo scorso 3 giugno nel garage della sua abitazione, sarebbe stato «traumatizzato da un incidente mortale» che lo hanno spinto a compiere l’estremo gesto. Sarebbe dovuto partire col padre in camper, proprio domani. Ed invece non è andata così.

Giuseppe abitava in località San Cataldo ed era figlio di un carabiniere pensionato. Proprio suo padre ha rinvenuto il cadavere del figlio impiccatosi nel garage. Inutili i soccorsi. Giuseppe era già morto da tempo. E, come spiega Il Mattino, alla base del gesto probabilmente un trauma subito anni fa quando Giuseppe fu protagonista di un incidente mortale. Era il 2006, e quella notte Giuseppe la ricorda bene: era in auto con un amico, Vincenzo, che perse il controllo dell’auto sbattendo contro il muro e morendo dopo pochi giorni di coma.

Gli amici di Giuseppe, sostengono che quel trauma non fosse ancora superato e, dunque, culminato nel gesto estremo di togliersi la vita.


Leggi anche:

 

http://salerno.occhionotizie.it/cronaca/eboli-33enne-figlio-di-un-carabiniere-si-suicida-si-indaga/

 

Articoli correlati

One Comment

  1. I’m impressed, I have to admit. Really rarely do you encounter a weblog that’s both educative and entertaining, and without a doubt, you may have hit the nail around the head. Your concept is outstanding; the pain is a thing that there are not enough persons are speaking intelligently about. I am happy that I came across this inside my find something about it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button