Agropoli, clan dei rom a processo per i furti nelle gioiellerie

albanella-minacce-affittuario-fucile-imprenditore-processo

Nove persone legate al clan degli zingari dovranno affrontare il processo per una serie di rapine messe a segno ad Agropoli ma anche in tutta Italia

AGROPOLI. Nove persone legate al clan degli zingari e coinvolte nell’inchiesta “Il Faro” dovranno affrontare il processo per una serie di rapine messe a segno ad Agropoli ma anche in tutta Italia.

Furti nelle gioiellerie ma non solo: ecco le nove persone del clan degli zingari che andranno a processo

Il clan Marotta, noto anche come clan degli zingari, dovrà affrontare il processo inerente all’operazione “Il Faro”, dove furono coinvolte 25 persone accusate furti in tutta Italia e alcuni anche di estorsione ai danni del sindaco Adamo Coppola, di rappresentanti della Yele e minacce alle forze dell’ordine. A giudizio immediato Carmine Dolce (Maruziello), Antonio Dolce (Capone), Donato Marotta (Papesce), Gerardo Marotta, Silvana Marotta (nata nel 1973), Vito Marotta (1992), Vito Marotta (1990), Anna Petrilli e Fiore Marotta.

Nove di quelle 25 persone dovranno quindi presentasi davanti al giudice, dato che sono considerati legati a un vincolo associativo tra gli intranei al gruppo indagato che “controllava la cittadina a forte vocazione turistica di Agropoli, autofinanziandosi attraverso l’esecuzione di sistematici furti con destrezza compiuti presso gioiellerie presenti su tutto il territorio nazionale, l’esecuzione di furti all’interno di autovetture ed il riciclaggio dei proventi ottenuti, l’illecita introduzione nei circuiti bancari finalizzata all’accredito fraudolento di somme di denaro”. 

Fonte: Info Cilento

 

 

 

TAG