Cronaca

Accusato di calunnia, il comandante della Municipale di Agropoli rischia una condanna

È stata chiesta la condanna per Antonio Rinaldi, comandante della polizia municipale di Agropoli. A chiederne la condanna ad un anno e quattro mesi è stato il pm presso il Tribunale di Salerno che accusa il comandante di calunnia come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Agropoli, comandante della Polizia Municipale a rischio condanna per calunnia

I fatti risalgono a qualche anno fa, quando Rinaldi era in servizio a Capaccio Paestum. L’imprenditore capaccese Alberico Cafasso – dopo un controllo alla sua azienda – lamentava di aver ricevuto da Rinaldi la richiesta di danaro al fine di insabbiare eventuali irregolarità e al suo rifiuto, di essere stato pedinato ed intimorito da un agente della polizia municipale di Capaccio Paestum e da un agente dell’allora forestale a bordo di un’auto privata.

Il tutto fu denunciato dall’imprenditore alla Polizia di Stato, ma Rinaldi ha sempre smentito con forza le accuse. Il giudice è stato chiamato a decidere è stato chiamato a decidere in merito e il pm ha chiesto la condanna per Rinaldi, accogliendo le tesi della parte civile,

La replica

Il comandante Rinaldi ha ricordato che “non vi è stata alcuna condanna” e che “il dibattimento è ancora in corso“. Un dibattimento “iniziato nell’anno 2016, ed è tutt’ora in corso. Nell’udienza del 6 giugno 2024, il sottoscritto ha reso le proprie dichiarazioni al Giudice del Tribunale di Salerno. Invece, nell’udienza del 20 giugno 2024, il pubblico ministero, come da prassi dibattimentale, ha concluso la propria requisitoria rassegnando al Giudice la richiesta di condanna quantificata in 1 anno e 2 mesi“.

Redazione L'Occhio di Salerno

Redazione L'Occhio di Salerno: comunicati stampa, notizie flash, contributi esterni del giornale

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio