Cronaca

Agropoli, nuova interrogazione sull'autovelox della discordia

AGROPOLI. Nuove proteste sull’autovelox di Agropoli, installato lungo la strada Cilentana, tra le uscite Agropoli Nord e Agropoli Sud.

Il consigliere Emilio Malandrino, dopo aver chiesto l’intervento della Prefettura di Salerno ad agosto ed aver scritto al Ministero a settembre, il 20 gennaio ha invitato il Comune a produrre documentazione relativa agli atti “Autovelox di Agropoli”, ricevendo cinque giorni dopo un certificato di taratura ed autorizzazione della Provincia di Salerno.

“La conferma autorizzativa non si riferisce all’apparecchiatura T-EX-SPEED ma a non meglio precisate apparecchiature – spiega, però, Malandrino – ed è servita solo a confermare l’installazione delle spire elettromagnetiche”.

Dunque il carteggio prosegue. “Non essendoci alcuna autorizzazione confermativa riguardo l’autovelox – prosegue il consigliere nella propria lettera inviata alla polizia municipale, al sindaco, all’assessore al bilancio e al segretario generale – il Comune di Agropoli chiarisca se tali autorizzazioni, risalenti all’arco temporale 2013-2015, siano riferite esclusivamente all’installazione di spire elettromagnetiche per la rilevazione della velocità e non ad apparecchio Autovelox T-EXPEED, se esistano autorizzazione e conferma all’installazione di autovelox.

In mancanza di autorizzazione, il consigliere ritiene “necessario ed imprescindibile sospendere o rimuovere l’apparecchiatura autovelox per evitare, nel prossimo futuro, da parte degli utenti della strada oggetto di verbalizzazioni, eventuali inevitabili ricorsi ed onerose richieste di rimborsi con relativo aggravio di spese che l’Ente potrà e dovrà sostenere per diverse centinaia di migliaia di euro”.

L’interrogazione

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button