Agropoli, firmata ordinanza per la prevenzione e lotta agli incendi

incendio-giovi-sterpaglie-3-gennaio

Il sindaco di Agropoli, Adamo Coppola, ha firmato un’ordinanza per la prevenzione e la lotta contro gli incendi. I proprietari devono provvedere

Il sindaco di Agropoli, Adamo Coppola, ha firmato un’ordinanza per la prevenzione e la lotta contro gli incendi. I proprietari devono provvedere a rimuovere dai terreni: sterpaglie, cespugli, rovi, sottobosco, ramaglie, erbe secche, arbusti e piante arboree infestanti o altro, nonché ogni altra possibile fonte d’incendio, rifiuti compresi.

Agropoli, firmata ordinanza per la prevenzione agli incendi

Gli stessi soggetti devono assicurare, lungo i propri confini, un’apposita fascia frangifuoco non inferiore a 10 metri. Per i proprietari di terreni laterali invece alle strade comunali, provinciali, e vicinali, nonché tutti i proprietari frontisti di aree e spazi pubblici o gravate da servitù di uso pubblico, sono obbligati alla pulizia, per una fascia frangifuoco non inferiore a 50 metri, dei propri terreni da ogni residuo vegetale e/o da qualsiasi materiale.

Si ricorda, inoltre, che fino al 30 ottobre é vietato bruciare nei campi, anche in quelli incolti, le stoppie delle colture, dei prati e delle erbe infestanti nonché gli arbusti e le erbe lungo le strade comunali, provinciali e vicinali. Sono vietate, inoltre, tutte le azioni e le attività determinanti anche solo potenzialmente l’innesco d’incendio. I proprietari e i possessori, a qualsiasi titolo, di terreni ricadenti in tutte le predette fattispecie, saranno ritenuti responsabili dei danni che si verificassero per la loro negligenza o comunque per l’inosservanza delle vigenti disposizioni di legge e delle disposizioni sopra impartite.

Le sanzioni

Le sanzioni previste per i trasgressori vanno da 25,00 ad oltre 10.329,00 euro. Si ricorda che i terreni inseriti nel catasto incendi non potranno essere interessati da trasformazioni urbanistiche per la durata di 15 anni dall’evento.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

 

 

TAG