Senza categoria

Alatri, i vegan esultano per la morte di Emanuele

Come riporta il portale “AdnKronos”, alcuni commenti cinici su Facebook divengono immediatamente virali, screditando così l’immagine dei vegan all’interno della nostra penisola. Emanuele Morganti, il 20enne picchiato a morte a termine di una lite tra coetanei scatenata da qualche drink di troppo, dunque, massacrato dal branco, è stato anche vittima di una “cyber-violenza” a termine del suo triste epilogo.

Pare, infatti, che alcuni commenti irrituali da parte di alcuni vegani, prendono di mira il povero Emanuele a causa della sua passione per la pesca:

I commenti degli animalisti integralisti non si risparmiano, sono inarrestabili e vanno oltre persino alla morte di un ventenne. I primi a dare l’allarme, sono stati gli admin del gruppo satirico di Facebook: Anche i vegani muoiono che sono riusciti a scovare e pubblicare uno dei post incriminati. Tra i tanti spicca anche quello di Sarah che tuona su una foto di Emanuele che mostra una carpa appena pescata: «Emanuele è stato ucciso. Il pesce anche». Questo commento ha dato vita ad una serie di screenshot agghiaccianti da parte degli utenti che ora sono pronti a segnalare qualunque scorrettezza in nome del defunto.

Antonio Bassano

Giornalista pubblicista dal 2016, ma anche eterno appassionato di lotta, pittura, street photography e del mondo otaku. Cresciuto giornalisticamente grazie al quotidiano L'Occhio di Francesco Piccolo, Antonio Bassano ha un approccio alla professione letterario semplice e spontaneo, nonché orientato a mettere a nudo la notizia senza commistioni o forzature.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto