Eventi e cultura

Alec, sabato l’evento “Una Pergamena per la Solidarietà Città di Napoli”

Si terrà sabato 16 maggio, alle 10, presso il Complesso di San Severo al Pendino situato nel cuore di Napoli, in via Duomo 286, l’evento di solidarietà ideato, organizzato e promosso dall’Associazione AlecUna Pergamena per la Solidarietà Città di Napoli“ dove verranno conferiti 25 attestati di benemerenza ai cittadini campani che si sono prodigati per il sociale in modo particolare per i più deboli ulteriori.

I premi verranno consegnati a 5 enti o persone fisiche che operano in altre regioni. I premiati sono stati vagliati, monitorati e filtrati da un apposita commissione costituita da soci ed esperti che ha valutato le attività e i servizi resi da questi soggetti alla comunità.

L’intero territorio regionale è stato rappresentato e sono state premiate le diverse forme di volontariato e servizio reso dai benefattori ai più deboli. È stato realizzato un elenco variegato di forme di volontariato: si è passati dal presidente dell’associazione che ogni giorno prepara pasti caldi per i poveri del quartiere fino al commercialista che cura e promuove la costituzione di associazioni e di cooperative di lavoro per giovani e svantaggiati, dal giornalista che dedica parte della sua attività a pubblicare articoli ed eventi per gli anziani all’interprete Lis che dedica la sua attività a fianco dei non udenti, dall’ associazione che svolge il servizio di protezione civile nella città di Napoli fino alla associazione che cura gli ammalati nei vari nosocomi cittadini.

I nomi dei soggetti premiati sono i seguenti: Antonio Amodio, Avo Napoli, Luigi Bernabò, Luigi Bisogno, Vincenzo Carrella, Cidis Onlus , Mario Conte, Anna Coppola, Giuseppe Escolino, Tommaso Ferri, La Casa Sulla Roccia Centro di Solidarietà, Franca Loffredo , Lucia Memoli, Vincenzo Montuori, Elia Francesco Occhione, Rita Occidente Lupo, Salvatore Raia, Padre Vincenzo Ruggiero,The Angels Dunks, Radio Siani, Sisaf Salerno, Antonio Spagna, Patrizia Stasi, Padre Higinus Ucenna Obia ed Antonio Viterale. Tra i cinque enti o persone fisiche che non operano in Campania sono stati scelti: Andrea Fabiano, presidente dell’Associazione Mondo Immigrati di Crotone; L’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma; l’Associazione La Speranza Onlus di Roma; La Comunità Giovanni XXIII fondata da don Oreste Bensi l’almanacco Frate Indovino curato dai frati cappuccini umbri.

Un premio verrà conferito anche all’Arcivescovo di Napoli Cardinale Crescenzio Sepe. Tra i soggetti sopraccitati ci sono due sacerdoti cattolici un pastore evangelico ed un rappresentante della Chiesa dei Santi degli Ultimi Giorni.

Articoli correlati

Back to top button