Cronaca

Allarme furti: studente scambiato per ladro, messo alla gogna sul web

MONTESANO SULLA MARCELLANA. A causa dei continui furti da Ferragosto ad oggi, i cittadini sono stati costretti a dar vita a diverse ronde notturne. Il sindaco Giuseppe Rinaldi è intervenuto e ha scritto due lettere al prefetto al fine di poter ottenere più controlli.

La situazione dunque è tesa e basta poco che possa tutto degenerare: si parla addirittura di spari, c’è chi invece i ladri dappertutto. Una telecamera ha anche ripreso una persona muoversi di notte lungo la strada. Il giovane che camminava senza nessuna cattiva intenzione è stato scambiato infatti per un ladro e il video che lo ritraeva ha fatto il giro del web. Peccato però che si trattasse di uno studente di Montesano sulla Marcellana che stava semplicemente tornando a casa. A svelare l’arcano è direttamente il sindaco: «Si tratta di uno studente che stava tornando a casa. Questi sono purtroppo gli effetti dell’allarmismo che c’è a Montesano. Capisco la preoccupazione ma chiedo di affrontare con più calma la situazione, di evitare facili allarmismi e di non sostituirsi alle forze dell’ordine».


tentato furto


Sul caso è intervenuto anche il primo cittadino di Buonabitacolo, vicino di casa del paese di Montesano. «Ho avuto occasione di interfacciarmi col capitano dei carabinieri Davide Acquaviva in merito alla questione furti. Il presidio del territorio da parte delle forze dell’ordine, già costantemente garantito, è stato ulteriormente incentivato anche con lo sforzo del personale dell’Arma. È ammirevole che molti giovani residenti si siano organizzati per offrire un ulteriore supporto, ma bisogna porre particolare attenzione poiché è facile scadere nella psicosi e nella esasperazione collettiva. I rumori da guerriglia della notte appena trascorsa erano piuttosto inquietanti. C’è da stare attenti, evitando di incorrere in reati e di procurare allarmismo. La situazione è sotto controllo e al momento non si sono verificati casi particolarmente eclatanti o pericolosi».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button