Cronaca

Angri, 48enne muore d’infarto: medico preso a calci e pugni

Shock ad Angri dove un 48enne è stato stroncato da un arresto cardiaco. Inutile l'intervento dei sanitari del 118 di Scafati

Shock ad Angri dove un 48enne è stato stroncato da un arresto cardiaco. Inutile l’intervento dei sanitari del 118 di Scafati. Dopo il decesso, un medico è stato inseguito e preso a calci e pugni. La notizia giunge dall’Associazione Nessuno Tocchi Ippocrate.

Muore d’infarto, medico picchiato dai preseti

“Ieri pomeriggio, all’interno del parcheggio di fronte al cimitero in via Adriana ad Angri, F.L. di 48 anni è stato colto da arresto cardiaco. È deceduto dopo aver ricevuto le cure dai sanitari del 118 e del ps di Sarro. I sanitari del 118 di Scafati al rientro dall’intervento si accorgono di aver dimenticato una borsa con bombola di ossigeno al parcheggio: ma tornati a recuperare il materiale vengono malmenati da alcuni presenti. Gli stessi prendono a calci l’ambulanza impossessandosi delle chiavi. Il medico m.g. è stato inseguito e preso a calci e pugni. Successivamente si sono recati presso la caserma dei carabinieri per denunciare il fatto. L’episodio, verificatosi intorno alle 14,30, è l’ennesima dimostrazione in che condizioni lavorano i sanitari del 118, che soltanto oggi hanno trattato 5- 6 casi di covid tra Angri e Scafati, senza vedersi riconosciuti dall’asl la premialità prevista per i medici impegnati in prima linea”, è quanto denuncia Nessuno Tocchi Ippocrate.

Articoli correlati

Back to top button