Cronaca

Arrestato a Dubai un 33enne battipagliese, ricercato dal 2013

E’ stato trovato a Dubai negli Emirati Arabi, e fatto arrestare dalla polizia locale Massimiliano Alfano, presunto mandante della gambizzazione di una donna, Cinzia Pugliese, avvenuta nella capitale il 24 luglio 2013.

A scoprire l’uomo sono stati i carabinieri del Reparto Operativo di Roma.

La vittima due anni fa sarebbe stata ferita per un debito non pagato. Alfano, 33 anni, detto ‘Mazinga’, era sfuggito il 5 marzo scorso a un blitz del Nucleo Investigativo, guidato dal colonnello Lorenzo D’Aloia, per catturare sei persone ritenute responsabili dalla procura di Roma – Direzione Antimafia – di omicidi e gambizzazioni commessi tra il 2013 e il 2014. Omicidi che avvennero quasi tutti nel contesto di rivalità tra gruppi di trafficanti e spacciatori di droga.

Alfano, originario di Battipaglia (Salerno) è passato quindi da un lussuoso albergo al carcere negli Emirati in attesa di essere estradato. L’operazione nasce dalle dichiarazioni del killer pentito Giancarlo Orsini, che hanno portato a marzo a 6 ordinanze di custodia cautelare per tre omicidi e tre gambizzazioni dei quali si è accusato.

Quest’ultimo, 48enne di Roma, ha aiutato i carabinieri a far luce sugli omicidi di Federico Di Meo, il 24 settembre 2013 a Velletri, vicino a Roma; di Sesto Corvini, il 9 ottobre 2013 a Roma; di Roberto Musci, il 23 gennaio 2014 sempre a Roma.

Poi alle gambizzazioni di Mirco Maccarinelli ad Ardea, vicino a Roma, il 22 giugno 2013; di Cinzia Pugliese il 24 luglio 2013 nella capitale; di Giulio Morelli durante una tentata rapina nel suo esercizio commerciale il 2 dicembre 2013.

Alfano ora è accusato di aver pagato 3.500 euro per la gambizzazione di Pugliese, 61 anni, avvenuta nel suo centro estetico in zona Ardeatino. La donna non diede informazioni utili ai carabinieri, forse perchè era terrorizzata.

Dopo alcuni accertamenti dei Ris si è scoperto che Orsini utilizzò la stessa pistola impiegata per la gambizzazione di Maccarinelli e per l’omicidio di Corvini.

 

Antonio Bassano

Giornalista pubblicista dal 2017, ma anche eterno appassionato di lotta, pittura, street photography e del mondo otaku. Cresciuto giornalisticamente grazie al quotidiano L'Occhio di Francesco Piccolo, Antonio Bassano ha un approccio alla professione letterario semplice e spontaneo, nonché orientato a mettere a nudo la notizia senza commistioni o forzature.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button