Senza categoria

Arrestato ad Avellino l’artefice della ‘Truffa dei babà’

Arrestato ad Avellino l’artefice della “Truffa del babà” che nei mesi scorsi aveva colpito numerosi agriturismi nel salernitano, soprattutto nella zona di Capaccio. Si tratta di un 55enne originario di Napoli, ma residente ad Avellino.

La truffa dei babà era architettata in tre fasi, in cui il malfattore si fingeva ingegnere, pasticciere e fattorino.
Fingendosi un facoltoso ingegnere, il 55enne prenotava presso gli agriturismi un pranzo di lavoro per 40 dipendenti di una fantasiosa società per festeggiare una soddisfacente commessa. Il falso professionista, dopo qualche altra telefonata con il ristoratore – per non destare sospetto aveva persino ordinato alcuni pasti per celiaci – chiedeva che arrivassero anche dei babà prodotti da una nota pasticceria napoletana. L’attore-truffatore si spingeva anche ad offrirne in dono un vassoio al gestore. Ed ecco la truffa. Il rinomato pasticciere a cui il ristoratore si sarebbe dovuto rivolgere per ordinare i babà, era lo stesso finto ingegnere. Nella telefonata il ristoratore però si sentiva chiedere l’anticipo in contrassegno i babà di fine pasto. Il truffatore assicurava (quando era nelle vesti dell’ingegnere) che avrebbe saldato tutto, babà e pranzo, con un unico assegno. E così si arriva alla terza parte della truffa. E al terzo cambio d’identità del truffatore. Mentre il ristoratore si rifornisce di prodotti per il pranzo arriva la grossa confezione di babà, a consegnarli sempre lo stesso organizzatore della truffa che questa volta si presenta nelle vesti di fattorino. Dopo di ciò ovviamente dell’ingegnere e del favoloso pranzo più nulla.

Ad arrestare il 55enne è stata la compagnia dei Carabinieri di Zungoli. Oltre che nel salernitano, il truffatore aveva colpito anche ristoranti del territorio Arianese e della provincia di Benevento.

Articoli correlati

Back to top button