Arrestato il direttore dell’Agenzia delle Entrate di Salerno: i dettagli

arresto

Arrivano i dettagli delle operazioni sui tre arresti per corruzione, armi e ricettazione: sono Gianluca La Marca, Giovanni Maiale ed Emilio Vastarella

EBOLI. Arrivano i dettagli delle operazioni di Guardia di Finanza e Carabinieri di Salerno sui tre arresti effettuati questa mattina per corruzione, armi e ricettazione: sono Gianluca La Marca, Giovanni Maiale ed Emilio Vastarella.

Scattano tre arresti per corruzione, armi e ricettazione: ecco i nomi emersi dalle operazioni

Gianluca La Marca, amministratore e imprenditore del noto Caseificio Tre Stelle di Eboli, Giovanni Maiale, collaboratore di giustizia e capo dell’omonimo clan della Piana del Sele, e infine Emilio Vastarella, Direttore provinciale dell’Agenzia delle Entrate di Salerno: sono questi i nomi delle tre persone arrestate questa mattina  alla fine delle operazioni messe a segno da Carabinieri e dalla Guardia di Finanza di Salerno.

Ai tre sono contestati i reati di corruzione, possesso di armi clandestine e ricettazione con metodo mafioso. Le indagini hanno riguardato principalmente la figura di La Marca, il quale negli ultimi anni ha attuato una politica economica espansionistica sfruttando risorse provenienti da una massiccia evasione fiscale attuata dalla sua azienda, acquistando direttamente o tramite familiari, aziende di allevamenti di bufale della zona di Capaccio Paestum ed Eboli in Stato di crisi e sottoposte a procedure esecutive. Inoltre si è avvalso anche della capacità intimidatoria di Giovanni Maiale per minacciare altri imprenditori e scoraggiarli dall’acquisto di aziende di suo interesse.

In tutto questo, La Marca sarebbe stato aiutato dal Direttore Provinciale dell’Agenzia delle Entrate di Salerno, Emilio Vastarella, nel coprire i propri debiti con il Fisco: tramite alcuni regali, è riuscito a ottenere uno sconto di oltre 60mila euro non spettante sulle sanzioni che erano comminate al caseificio dalla Commissione Tributaria. 

 

TAG