Cronaca

“Non ci mettiamo niente a tagliare un dito a tua figlia”, 5 arresti per usura a Salerno | I NOMI

Arresti per usura a Salerno: i nomi dell'inchiesta. Minacce anche ad una bambina di 9 anni, figlia di un usurato

Emergono i nomi dell’inchiesta che ha portato a cinque arresti per usura Salerno. Tra questi c’è Luigi Bifulco, indagato al pari degli altri imputati per i reati di concorso in violenza privata, usura, esercizio abusivo dell’attività finanziaria, in alcuni casi aggravati dal metodo mafioso come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Arresti per usura a Salerno: i nomi dell’inchiesta

Non ci mettiamo niente a prendere la figlia, chiuderla in una stanza e tagliarle un dito fino a quando lui non esce” avrebbe detto uno degli indagati rivolgendosi al cognato del militare, suo cliente, resosi irreperibile. Una minaccia che vedeva coinvolta una bambina di 9 anni, figlia dell’usurato.

Gli indagati

Oltre a Bifulco, sono finiti in carcere Rosario Della Corte ed Emilio Viviani. Arresti domiciliari per Francesco Candela ed Alessandro Memoli.

L’ipotesi

L’ipotesi accusatoria, a proposito della quale è stata ritenuta la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza a carico degli indagati, riguarda la concessione di prestiti di denaro mediante l’applicazione di tassi di interessi di natura “usuraia”, nei confronti di persone in stato di bisogno e la realizzazione di rilevanti atti di intimidazione nei confronti delle vittime, tali da costringerle per far fronte ai debiti contratti, in alcuni casi, a vendere i propri beni e consegnare agli usurai il ricavato a parziale ristoro dei debiti.

Le indagini

Nel corso delle indagini, peraltro, è stato documentato un episodio in cui uno degli usurai non ha
esitato a recarsi presso una struttura ospedaliera del frusinate al fine di reperire un debitore, che si sarebbe dovuto recare nell’occasione a far visita ad un congiunto ivi ricoverato per gravi condizioni di salute, al fine di costringerlo ad adempiere alla illecita prestazione.

Sono state documentate diverse attività di intimidazione poste in essere dagli usurai nei confronti anche dei familiari delle vittime, ad esempio mediante il danneggiamento di vetture o l’invio di
messaggi minacciosi, nonché recandosi personalmente presso i luoghi di lavori di costoro al fine di costringerli al pagamento dei debiti.

Le vittime di usura

Complessivamente le vittime di usura, a fronte degli originari prestiti, avrebbero dovuto restituire una
somma pari a circa 1 milione di euro mediante il riconoscimento di interessi superiori ai tassi soglia ed in alcuni casi oscillanti tra il 300 ed il 514 % annuo. Tale ultima circostanza evidenzia chiaramente l’entità dei profitti che scaturiscono dall’esercizio dell’illecita attività della concessione di prestiti di denaro a tassi usurai.

Articoli correlati

Back to top button