Cava de’ Tirreni, ordinato l’arresto dell’ex vicesindaco Polichetti

scambio-voto-politico-mafioso-cava-de-tirreni-polichetti

Ordinato l'arresto di Enrico Polichetti, ex vicesindaco di Cava de' Tirreni, accusato di aver ricevuto aiuti da Dante Zullo in campagna elettorale

Ordinato l’arresto di Enrico Polichetti. A farlo, i giudici del Riesame nei confronti dell’ex vicesindaco di Cava de’ Tirreni subordinando l’esecuzione del provvedimento al momento in cui lo stesso diventerà definitivo, legandolo cioè ad un eventuale (e nuovo) ricorso in Cassazione o alla scadenza dei termini per la presentazione dello stesso.

L’arresto di Enrico Polichetti

Come scrive Petronilla Carillo sulle colonne de Il Mattino, sono state fondamentali le ulteriori integrazioni di indagine disposte dall’Antimafia e consegnate in procura dagli uomini della Dia di Salerno. Vani i tentativi della difesa di dimostrare l’estraneità dal reato del 416 bis e l’incompatibilità della sua condizione con il regime carcerario.

Le accuse

Secondo la Dda, Polichetti – candidato al consiglio comunale di Cava de’ Tirreni del 2015 – avrebbe accettato l’aiuto di Dante Zullo che gli avrebbe procurato voti mediante l’uso del potere di intimidazione derivante dalla sua appartenenza ad un gruppo camorristico.

TAG