Assemblea antifascista a Battipaglia, l'appello dell'Anpi ai sindaci della Piana – DOCUMENTO INTEGRALE

DOCUMENTO DELL’ASSEMBLEA ANTIFASCISTA TENUTA A BATTIPAGLIA IL 01 APRILE 2017 L’assemblea pubblica di cittadini antifascisti, svoltasi durante il presidio convocato in risposta al rifiuto della richiesta, da parte della sindaca di Battipaglia, di spostare la conferenza dello xenofobo e omofobo leader di Forza Nuova, Roberto Fiore, in un luogo diverso dalla Casa Comunale, ha sottoscritto […]

DOCUMENTO DELL’ASSEMBLEA ANTIFASCISTA TENUTA A BATTIPAGLIA IL 01 APRILE 2017

L’assemblea pubblica di cittadini antifascisti, svoltasi durante il presidio convocato in risposta al rifiuto della richiesta, da parte della sindaca di Battipaglia, di spostare la conferenza dello xenofobo e omofobo leader di Forza Nuova, Roberto Fiore, in un luogo diverso dalla Casa Comunale, ha sottoscritto il Documento ANPI e Istituto Cervi presentato al Presidente della Repubblica (allegato), e stilato una serie di richieste e proposte ai sindaci della Piana del Sele al fine di trovare una risoluzione definitiva al problema delle forze politiche che si ispirano o riproducono ideologie ispirate o tendenti alle pratiche fasciste. Si richiede quindi a tutti i Sindaci e ai Consiglieri Comunali della Piana del Sele:

  1.  l’introduzione di una norma – all’interno dei Regolamenti Comunali che dettano la disciplina della concessione degli spazi pubblici – che obblighi i Sindaci a negare i luoghi istituzionali a  manifestazioni di chiara ispirazione fascista, xenofoba, razzista e omofoba, in netta violazione della Carta Costituzionale.
  2.  di organizzare in ogni Comune manifestazioni celebrative per la conquista del voto alle donne, per il 25 aprile, Festa della Liberazione, per il 2 giugno come Festa della Repubblica e della  Costituzione, con interventi di personalità di alto spessore morale e intellettuale.
  3.  di richiedere al Provveditore agli studi di Salerno l’impegno di istituire iniziative atte ad implementare le ore scolastiche dedicate alla storia della seconda guerra mondiale, della Resistenza e  della Costituzione.
  4.  di richiedere ai Sindaci la promozione di iniziative e incontri istituzionali sui temi dell’immigrazione, del caporalato in agricoltura e delle nuove forme di schiavismo. Invitiamo i partiti  politici della Provincia a recepire queste richieste e dare risposte concrete in tutela della libertà, della democrazia e della Costituzione Repubblicana.

TAG