Autovelox di Agropoli, ecco cosa dice la relazione del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti

autovelox-agropoli-multe-700-euro-polemica

Autovelox di Agropoli, il chiarimento del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti in merito ad alcune notizie diffuse sui social

Autovelox di Agropoli, arriva il chiarimento. In merito ad alcune notizie diffuse sui social relativamente ad una presunta “bocciatura”, relativamente all’autovelox fisso posizionato sulla Cilentana, arriva la precisazione da parte del Ministero competente.

Autovelox di Agropoli, il chiarimento

“Il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti – Provveditorato Interregionale per le opere pubbliche per la Campania, Molise, Puglia e Basilicata, chiamata a pronunciarsi in merito alla visibilità del dispositivo per il controllo della velocità installato sulla NSA 544 – Cilentana non ha rilevato alcuna censura”.

Ma entriamo nei particolari. “Per quanto concerne la presegnalazione della postazione di controllo –  sottolinea il capo sezione l’ingegnere Emilio Bizzarri il posizionamento della segnaletica di preavviso in ambedue le direzioni di marcia (corsia sud e corsia nord), presenta caratteristiche idonee ai fini della visibilità, riconoscibilità e leggibilità da parte dei conducenti”.

In particolare per la corsia direzione sud “in corrispondenza della progressiva km 103,440 (direzione sud) il segnale di localizzazione della postazione risulta certamente visibile”. Per la corsia direzione nord si precisa che “non sussiste, alla distanza di 150 metri, alcun ostacolo alla visualizzazione del punto di installazione”. In merito alla circostanza della caratteristica monofacciale della segnaletica utilizzata, in luogo di quella bifacciale prevista nella direttiva interministeriale si rappresenta la medesima efficacia di quella monofacciale posizionata.

La visibilità

Anzi ai fini della visibilità da parte dei conducenti, tale disposizione risulta maggiormente efficace rispetto alla bifacciale. E in ogni caso risulta coerente con le prescrizioni di posizionamento stabilite dall’art. 81 comma 1 del reg. CDS». Quindi la relazione conclude: “pertanto in ambedue le direzioni di marcia (corsia nord e corsia sud) per quanto riguarda la segnaletica di limite di velocità, il posizionamento di tale segnaletica presenta caratteristiche idonee ai fini della visibilità, riconoscibilità e leggibilità da parte dei conducenti”. L’intera relazione ministeriale è disponibile sul sito web.

TAG