Cronaca
Trending

Tragedia a Battipaglia: 12enne morto per un arresto cardiaco

I sanitari hanno provato a rianimarlo per oltre un'ora, ma non c'è stato niente da fare

Tragedia questo pomeriggio a Battipaglia: un ragazzino di 12 anni ha accusato un malore ed è morto a causa di un arresto cardiaco. Inutile ogni tentativo di soccorso. Sconvolta la comunità per una notizia drammatica.

Battipaglia: 12enne morto per un arresto cardiaco


battipaglia-12enne-morto-arresto-cardiaco

 


Non hanno potuto fare niente gli operatori dell’Humanitas di Battipaglia, accorsi in via Trieste per soccorrere un 12enne che aveva avuto un malore improvviso.

I soccorsi

Il ragazzino è stato soccorso all’interno di un punto vendita che reca una serie di distributori h24, Ganja Shop. Il proprietario dell’attività, viste delle persone in difficoltà che stavano trascinando un bambino (che aveva accusato un malore poco prima), si è offerto di stenderlo all’interno del negozio. Hanno provato a rianimarlo per oltre un’ora, ma per lui non c’è stato niente da fare.

Sul posto sono giunti anche i Carabinieri di Battipaglia per i rilievi del caso.

L’autopsia

Secondo un primo esame esterno, sul corpo del 12enne non sono state tracce di violenza. Il Pubblico Ministero ha disposto l’autopsia, ma è quasi certo che la salma del ragazzino verrà restituita ai familiari questa sera stessa.

Le dichiarazioni del proprietario del negozio

Sull’episodio, ha lasciato la sua testimonianza anche il titolare del negozio: “Mi trovavo all’interno del negozio quando ho sentito gridare aiuto. Sono uscito in strada di corsa e ho visto delle persone in difficoltà che trascinavano un bambino. Per evitare che fosse sdraiato per terra, sull’asfalto bagnato dalla pioggia, gli ho gridato di stenderlo all’interno del mio negozio. Mi sono reso conto che non respirava ed ho subito cominciato a praticargli il massaggio cardiaco. Non appena sono arrivati i sanitari mi sono tolto e ho lasciato fare a loro. Dopo un’ora purtroppo hanno dichiarato il decesso del bambino. Sono distrutto, ho fatto di tutto per salvarlo ma ci tengo a precisare che non si trovava all’interno del mio negozio nè tantomeno stava facendo acquisti. Ovviamente un pensiero e una preghiera per il piccolo bambino R.i.p”

Articoli correlati

Back to top button