Battipaglia: la Polizia arresta un pregiudicato nigeriano portatore di dieci ovuli intestinali contenenti eroina.

battipaglia-arrestato-pregiudicato-ovuli-eroina-stomaco

Battipaglia: arrestato un pregiudicato nigeriano portatore di dieci ovuli intestinali contenenti eroina. In manette E.M. e B.V., entrambi 33enni

Battipaglia: arrestato un pregiudicato nigeriano portatore di dieci ovuli intestinali contenenti eroina. In manette E.M. di anni 33, residente a Napoli, irregolare sul territorio italiano, e B.V. 33 anni, anch’egli pregiudicato.

Battipaglia, arrestato con 10 ovuli di eroina nello stomaco

Gli agenti della Polizia di Stato della Squadra Investigativa e della Squadra Volante del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Battipaglia, a seguito di pregressa attività investigativa, in Montecorvino Pugliano procedevano al controllo di un’autovettura e dei suoi occupanti identificati per E.M. di anni 33, di nazionalità nigeriana, pregiudicato, domiciliato nel comune di Napoli, irregolare sul territorio italiano, e B.V. di anni 33, pregiudicato, anch’egli residente nella città partenopea.

Il controllo

Da subito, il cittadino africano si dimostrava insofferente ed agitato tanto da insospettire il personale operante che decideva di sottoporre a perquisizione personale entrambi gli uomini. L’attività non sortiva nessun risultato, anche se fondati erano i sospetti degli agenti che i due trasportassero illegalmente stupefacenti, tanto che veniva richiesta all’Autorità Giudiziaria la delega per sottoporre l’uomo di colore ad accertamenti clinici presso il locale ospedale.

La scoperta

Ivi, a seguito di somministrazione di sostanza liquida per enteroclisma, il cittadino nigeriano evacuava nr. 10 involucri avvolti in carta cellophane trasparente, contenenti una sostanza polverosa di colore beige. Negli uffici del commissariato, gli operatori della Polizia Scientifica sottoponevano la sostanza ad esami di laboratorio, accertandone la positività al test dell’eroina, per un peso complessivo pari a grammi 107,38.

La perquisizione e l’arresto

Inoltre, con la collaborazione della Squadra Mobile di Napoli, veniva effettuata una perquisizione dobmiciliare presso l’abitazione del nigeriano nel capoluogo partenopeo, a seguito della quale veniva rinvenuta una somma di denaro pari ad euro 10.460, evidente provento dell’attività di traffico di stupefacenti. Pertanto l’uomo, dopo le formalità di rito, veniva tratto in arresto e condotto presso la casa circondariale di Salerno – Fuorni, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, mentre B.V. indagato in stato di libertà, in quanto entrambi responsabili di traffico di sostanze stupefacenti.

TAG