Senza categoria

Battipaglia, caos nel centro-sinistra: Ciotti e Oddati si sono fatti un proprio Pd

BATTIPAGLIA. Lunedì è nato un nuovo Pd a Battipaglia: non inteso come Partito democratico, bensì come Progetto democratico. Si chiama così il movimento politico che riunirà Pietro Ciotti e Nicola Oddati. La conferma è giunta dallo stesso ex assessore al Comune di Napoli, che ieri ha scritto su Fb: “Ieri sera (lunedì, ndr) bellissima serata con alcuni dei sostenitori della bella e pulita battaglia delle primarie. Una discussione viva e appassionata, senza veli e finzioni. Lavoriamo ancora per dare una vera svolta a Battipaglia e costruire un grande Progetto Democratico».

D’altra parte, Oddati può contare su appoggi che difficilmente digerirebbero un’alleanza col candidato uscito vincitore dalle primarie, Lanaro. Tra questi, l’imprenditore Carlo Vitolo. Il quale, senza mezzi termini, aveva dichiarato di aver portato a Oddati «in sole 48 ore circa 820 voti». Anche Ciotti ha chiarito, per l’ennesima volta, la sua posizione: «noi ci saremo con chiarezza e trasparenza». Ma non con Lanaro che «per noi non rappresenta il Pd». Nel frattempo, il partito continua il suo percorso di frammentazione a Battipaglia.

Il segretario cittadino Davide Bruno è pronto a mollare tutto. «Non è vero che qualcuno mi vuole cacciare – ha detto Bruno – sono io che voglio andare via. Finora i vertici mi hanno chiesto di rimanere». Sta provando a rimettere insieme i cocci il segretario provinciale Nicola Landolfi, il quale ammette tra le righe la situazione di isolamento che vive Lanaro. «La segreteria provinciale ha piena fiducia nell’operato di Bruno», afferma Landolfi, promosso per come ha gestito la delicata fase delle primarie. «A Ciotti e Oddati – dice Landolfi – continuiamo a rivolgere l’appello a essere protagonisti della fase che si apre, sia per gli impegni formali sottoscritti all’atto della loro candidatura alle primarie, sia per una questione più di sostanza, che è data dalla loro storia politica e dal contributo serio che possono dare per rinnovare il Pd e la città»

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button