Politica

Battipaglia, Civica Mente inaugura la prima casetta dei libri

La casetta si trova in via Buozzi

A Battipaglia, Civica Mente ha inaugurato la prima casetta dei libri di Battipaglia. L’opera del gruppo battipagliese è stata realizzata in collaborazione con i ragazzi della Banca del Tempo Sociale, coordinati da Annalisa Giancarlo. La casetta è stata inaugurata in occasione della festa per l’adozione della piccola aiuola di via Buozzi, adiacente allo spazio pubblico del movimento.

Civica Mente inaugura la prima casetta dei libri

Il gruppo di Civica Mente, guidato da Maurizio Mirra, continua a battersi per gli spazi pubblici e per il bene della comunità battipagliese. Piccole iniziative, come l’ora dedicata al verde cittadino o la casetta dei libri che promuovono la diffusione della cultura, che messe insieme danno un aspetto nuovo alla città. Un aspetto visivo che si concretizza nel trasmettere al singolo cittadino la voglia e il bisogno di riappropriarsi di Battipaglia. Di viverla pienamente e di non essere più solo uno spettatore che si lascia travolgere dagli eventi.

Le parole di Valerio Giampaola

Come affermato dal Segretario di Civica Mente Valerio Giampaola: “In una città di quasi cinquantamila abitanti dove ancora l’apertura di una biblioteca è una chimera, le associazioni che hanno a cuore questo problema si stanno impegnando in una rete che ne solleciti la soluzione”.

Continua il Segretario: “La casetta dei libri e la cura degli spazi pubblici sono dei segnali che stiamo lanciando per sensibilizzare i battipagliesi sulla necessità di riappropriarsi della propria città. Senza la partecipazione attiva di tutti, allo stato attuale, ben difficilmente riusciremo a cambiare una situazione che vede la cultura ed il decoro urbano agli ultimi posti delle priorità gestionali della città“.

Il messaggio di Annalisa Giancarlo

Conclude il discoro Annalisa Giancarlo: “La Banca del Tempo è una realtà giovane, che vede impiegati tanti ragazzi in iniziative di crescita sociale e culturale, come quella che dell’adozione di una piccola casetta dove poter condividere momenti di lettura.

Il nostro desiderio è quello di realizzare un ulteriore sviluppo di queste attività, che consenta di supportare soggetti fragili in piccole incombenze quotidiane come, ad esempio, aiutare le persone con ridotta mobilità a fare la spesa. In questa ottica è fondamentale far rete con le altre realtà associative del territorio“.

Articoli correlati

Back to top button