Cronaca

Battipaglia, comune indebitato fino al 2044

BATTIPAGLIA. Si concluderà nel 2044 il capitolo dei debiti attivi che ha il comune di Battipaglia.

La commissione straordinaria ha attivato dei meccanismi di finanziamento per i prossimi 30 anni. L’argomento è stato trattato durante una conferenza stampa del movimento civico “Etica del buongoverno”, nella quale sono intervenuti la presidente Cecilia Francese e il segretario Gianluca Di Giovanni.

Il debito principale riguarda il piano di riequilibrio del bilancio, avviato nel corso della gestione dell’ex sindaco Santomauro, perfezionato poi dal commissario Ruffo e poi portato al termine dalla Commissione straordinaria dopo l’ok della Corte dei Conti.

Un prestito da 12 milioni di euro, rateizzato a 1,2 milioni per i prossimi 8 anni. Poi c’è la restituzione dei debiti fuori bilancio, che si aggira intorno a un milione di euro e il rimborso dei mutui vari contratti per le opere pubbliche, di circa 5 milioni di euro.

La triade commissariale aveva proceduto all’approvazione di un ripiano triennale, la scorsa estate, a seguito del riaccertamento straordinario dei residui, con il quale l’ente pagherà 324mila euro annuali fino al 2044.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio