Senza categoria

Battipaglia, condannato il cognato della donna indiana suicida

BATTIPAGLIA. Sei anni e 8 mesi. È questa la condanna inflitta a Singh Rajwinder, il commerciante indiano 41enne accusato di aver violentato la cognata, 32 anni, in dolce attesa che poi si suicidò. Sul capo dell’uomo pende l’accusa di violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia mentre cade l’ipotesi d’accusa di istigazione al suicidio.

Condannata a due anni e 6 mesi di reclusione, invece, la moglie del 41enne, Kaur Sunkhinper, a dispetto di quanto inizialmente chiesto dal pm Elena Guarino che nel corso della requisitoria aveva richiesto 8 anni e 6 mesi di carcere per il marito e 4 per la moglie, sorella della vittima.

La giovane si è tolta la vita lo scorso 18 gennaio, al settimo mese di gravidanza, lanciandosi dalla finestra della sua abitazione ospite, insieme al marito, della sorella e di suo cognato.

Dalle indagini è emerso che la vittima era stata vessata e più volte il cognato aveva abusato della donna, nonostante la gravidanza e gli abusi sessuali erano stati ripresi con l’obiettivo di ricattare la donna.
La vittima temeva che le immagini potessero arrivare in India ed essere visti dai familiari e così si sentiva costretta a soddisfare il cognato.

La mattina del suicidio c’era stata una violenta lite in famiglia, al cui culmine le giovane decise di farla finita lanciandosi nel vuoto dal terzo piano dell’appartamento.

Leggi anche: http://salerno.occhionotizie.it/cronaca/indiana-suicida-battipaglia-confermate-misure-cautelari-confronti-dei-cognati/

http://salerno.occhionotizie.it/cronaca/battipaglia-suicidio-donna-indiana-arrestati-cognati-per-maltrattamenti-in-famiglia/

Fonte: Stile Tv

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button