Cronaca

Battipaglia e il mondo del calcio sotto shock per Filippo Viscido: i messaggi per ‘Pitbull’

Battipaglia, shock per il suicidio di Filippo Viscido: il cordoglio della sindaca. Messaggi anche da Cava de' Tirreni e Afragola

È forte il dolore a Battipaglia per la morte di Filippo Viscido, il calciatore morto all’età di 32 anni nella serata di domenica 16 maggio. Il centrocampista ex Avellino e Cavese si è tolto la vita nel garage di casa, lasciando nello sconforto la famiglia e l’intera comunità battipagliese oltre a quella irpina, dove Pippo si era fatto apprezzare come calciatore e come persona.

Battipaglia sotto shock per il suicidio di Filippo Viscido: il cordoglio della sindaca

“Sgomenti, apprendiamo con profondo dolore la prematura scomparsa di Filippo Viscido, giovane battipagliese. Filippo era una persona educata, buona, e profondamente legata alla propria città. Giungano da parte di questa amministrazione le più sentite condoglianze alla famiglia” è il messaggio di cordoglio della sindaca di Battipaglia, Cecilia Francese.

Il cordoglio della Cavese

Anche la Cavese ha pubblicato un post per ricordare Filippo Viscido, ricordando: “Era cresciuto nel vivaio bleufoncé Filippo Viscido, ex centrocampista aquilotto, scomparso nelle scorse ore in circostanze tragiche a soli 32 anni (li avrebbe compiuti il 5 giugno), lasciando la moglie e due figli.

Pippo, come era chiamato da tutti i suoi compagni, aveva indossato la prima maglia della Cavese a soli 15 anni, facendo parte della formazione Allievi Regionali allenata da Alfonso Contaldo. Centrocampista di quantità e di grande dinamismo, dopo aver disputato un campionato di Serie D con il Pomigliano, era ritornato a Cava de’ Tirreni esordendo in prima squadra nella gara di Coppa Italia Nazionale con il Grosseto (17 agosto 2008) e giocando altre due gare di Coppa Italia di Lega Pro contro Benevento e Sorrento (segnando anche uno dei rigori con cui gli Aquilotti si era assicurati il passaggio del turno). Nell’estate del 2009, Viscido aveva partecipato al ritiro di Montefiascone agli ordini del tecnico Agenore Maurizi, ma poi era passato all’Avellino, ottenendo a fine campionato la promozione in Seconda Divisione.
Battipaglia, Campobasso, Potenza, Torre Annunziata, Licata, Sorrento, Palmi, Chieti, erano state le tappe successive della sua carriera, spesa soprattutto in Serie D.  Le ultime stagioni, invece, le aveva giocate in Eccellenza, indossando le maglie di Battipagliese, Virtus Avellino, Afragolese e Salernum Baronissi”.

Il cordoglio dell’Afragolese

“La vittoria più bella nel giorno sbagliato. Oggi 3 punti importanti, poi la terribile notizia” ha scritto l’Afragolese. Non sappiamo cosa ti abbia spinto a compiere un tale gesto. Sappiamo solo che il tuo sorriso, la tua energia, la tua voglia di vivere resteranno per sempre nei nostri cuori. Grazie Pippo. Grazie per i momenti che hai dedicato a questa Società, a questa città ed a tutti i tifosi rossoblù. Ci stringiamo all’immenso dolore che ha colpito la famiglia Viscido. Riposa in pace Pitbull”.


battipaglia-filippo-viscido-ricordo-cavese-afragolese


Il cordoglio del Chieti

Filippo Viscido aveva giocato anche con la maglia del Chieti che lo ha ricordato così: “Restiamo attoniti e senza parole di fronte alla terribile notizia della scomparsa di Filippo Viscido, ex calciatore neroverde. Il Chieti F.C. 1922 è vicino alla sua famiglia, a sua moglie e ai suoi figli e piange la scomparsa di un ragazzo ancora giovane che si era fatto apprezzare da tutta la città. Ciao Pippo”.

Articoli correlati

Back to top button