Battipaglia, Fratelli d’Italia a sostegno dei lavoratori Treofan

treofan

Fratelli d’Italia a supporto dei lavoratori della Treaofan di Battipaglia che da oltre un mese è fermo e di cui, venerdì, è stata confermata la chiusura

BATTIPAGLIAFratelli d’Italia a supporto dei lavoratori della Treaofan, lo stabilimento battipagliese che da oltre un mese è fermo e di cui, venerdì, è stata confermata la chiusura.

Chiusura stabilimento Treofan: solidarietà e sostegno di Fratelli d’Italia ai lavoratori

Questa mattina il Senatore di Fratelli d’Italia, Antonio Iannone, ha preso parte al tavolo con istituzioni e forze sindacali per difendere il lavoro dei dipendenti che in un mese si sono ritrovati senza occupazione dopo che i vertici della Treofan e Jindal, in una lettera scritta a quattro mani dal Ceo tedesco, Manfred Kaufmann, e dal direttore finanziario indiano, Deepak Jain hanno decretato la chiusura.

«Uno stabilimento con alle spalle oltre quarant’anni di attività chiude i battenti – hanno commentato i Portavoce Provinciali di Fratelli d’Italia, Imma Vietri e Ugo Tozzi – I vertici, stando a quanto dichiarano nella lettera fatta recapitare ai dipendenti, puntano a diventare il fornitore europeo di maggior successo nelle pellicole per confezioni ed etichette eppure lasciano per strada le famiglie di 200 dipendenti (tra diretti e indotto). Il partito di Fratelli d’Italia è vicino a questi lavoratori, così come lo è stato per i lavoratori della Italcementi di Salerno. A tal proposito il Senatore Antonio Iannone, dopo aver formalizzato lo scorso dicembre un’interrogazione parlamentare rivolta al Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, ha provveduto, questa mattina, a sottoscrivere un documento con il quale si chiede, tra le altre cose, di aprire una riflessione sul terreno politico e sociale finalizzata ad agevolare ed incentivare investimenti sul territorio di Battipaglia, riconosciuta come Zona Economica Speciale e area di crisi industriale complessa».

Fratelli d’Italia, dunque, porta avanti la propria battaglia con l’augurio che venga fatta luce sulla legittimità della manovra messa in atto dai vertici aziendali di Treofan e Jidal affinché i lavoratori non vengano abbandonati in questo momento di grande difficoltà. Il partito chiede inoltre sostegno e attenzione nei confronti di quanti rischiano oggi un futuro di precariato: è necessario che Di Maio provveda a fermare subito le procedure di licenziamento affinché la sua presenza a Battipaglia lo scorso 26 dicembre abbia un senso e non sia stata solo foriera di illusioni e false speranze per i lavoratori della Treofan».

TAG