Senza categoria

Battipaglia, l'istituto "Ferrari" a lezione di fondi europei

BATTIPAGLIA. “Adeguamento e riqualifica del sottopasso ferroviario di via Roma”, è questo il titolo del dibattito tenutosi all’istituto “Ferrari” il 3 marzo, nell’ambito dell’Open data day. Un progetto di inchiesta e condivisione dei dati nell’ambito di Open Coesione che ha trasformato alcune classi del “Ferrari” in veri e propri giornalisti.

Gli allievi del gruppo denominato “The yellow subway marines” hanno raccolto tutti i dati disponibili con l’aiuto delle professoresse Donatella Cipriani ed Antonella Vittozzi, preparando dei report sull’opera finanziata dal Più Europa, con incontri in aula anche con il giornalista Francesco Piccolo. Venerdì, poi, il dibattito con le istituzioni moderato dalla giornalista Stefania Battista.

Ha seguito i lavori con grande attenzione la dirigente scolastica del “Ferrari”, Daniela Palma.

Un grande plauso va alle già citate docenti Cipriani e Vittozzi per l’organizzazione dell’evento ed il coordinamento dei lavori degli studenti.

Tra gli interlocutori, il responsabile del progetto di riqualifica del sottopasso, architetto Angelo Mirra, che ha illustrato non solo le fasi più difficili dei lavori, ma anche i risultati conseguiti nell’eliminazione delle barriere architettoniche e nella limitazione dell’inquinamento acustico, spiegando la scelta dei materiali utilizzati.

La consulente Lara Chirico ha parlato dell’aspetto economico del progetto del Comune di Battipaglia, tra i pochi ad aver utilizzato al meglio i fondi europei. All’assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Provenza e alla sindaca Cecilia Francese il compito di invitare i ragazzi a diventare “tutor” dell’opera.

Prossimamente saràà stipulato un protocollo d’intesa che consentirà al Ferrari di “adottare” il sottopasso. Intanto, i report degli studenti verranno immessi in rete e saranno consultabili da chiunque ne abbia interesse.

I due cronisti presenti hanno sottolineato come il progetto spinga i giovani a sviluppare un corretto spirito critico e di osservazione analizzando obiettivamente i dati raccolti.


Le foto dell’evento

 

(clicca sulle foto per ingrandirle)

 

























 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button