Politica

Battipaglia: consiglio comunale odierno sullo stato dei migranti

BATTIPAGLIA. Al Consiglio Comunale di questa sera, l’opposizione domanderà all’Amministrazione una verifica e il monitoraggio degli stranieri (controlli sulle loro condizioni di lavoro e abitative) e di garantire loro corsi serali di lingua, costumi e leggi nazionali, assistenza medica: un modo fattivo di fare accoglienza.
Una seduta d’assise chiesta dall’opposizione dopo le polemiche per la presenza di un centro d’accoglienza per immigrati all’interno del residence Rodopa di via Spineta.
Firmatari della richiesta sono i consiglieri Enrico Lanaro, Gerardo Motta, Luigi D’Acampora, Renato Vicinanza, Alessio Cairone e Luisa Liguori. I quali hanno evidenziato che, stando ai dati del 2015, la presenza degli stranieri a Battipaglia rappresenta il 12,6% dell’intera popolazione. Una situazione che, a detta dei proponenti, ha diffuso sul territorio l’illecita pratica del “caporalato”, ma anche risse, ubriachezza molesta, furti e violazioni di domicilio che coinvolgono i cittadini stranieri, quasi sempre in concorso con italiani. Gli stessi proponenti ricordano come il mancato controllo dei flussi migratori abbia consentito la presenza di prostitute sulla litoranea.

Quali sono gli indirizzi che dovrebbe approvare il consiglio comunale secondo i firmatari della proposta? Monitorare la presenza degli stranieri, verificare le associazioni iscritte all’albo del Comune che si occupano di immigrazione, controllare i settori produttivi per appurare il numero di immigrati e le loro condizioni di lavoro e abitative, attivarsi per istituire corsi scolastici serali per l’apprendimento della lingua italiana, dei costumi e delle leggi nazionali. E ancora, chiedere all’Asl di assicurare un livello minimo di salutare per il trattamento di patologie diffuse tra i migranti al fine di garantire la salute pubblica, chiedere al prefetto e al Governo di rafforzare la presenza delle forze dell’ordine visto l’aumento di fenomeni di delinquenza con il reclutamento di immigrati tra le file della criminalità organizzata, verificare se il fenomeno di accoglienza di stranieri a Battipaglia avvenga nel rispetto della sicurezza e della dignità degli stessi immigrati e dei battipagliesi.
Infine, costruire un osservatorio permanente o una commissione speciale, per un monitoraggio periodico della situazione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button