Cronaca

Battipaglia, nuovi casi di gatti avvelenati: gli animalisti chiedono aiuti

BATTIPAGLIA. Ancora gatti avvelenati a Battipaglia: gli animalisti chiedono aiuti per i numerosi casi che continuano a registrarsi in città.

Ricovero per i gatti presi d’assalto per i nuovi casi di avvelenamento: gli animalisti chiedono aiuti

Ancora gatti avvelenati a Battipaglia. Nonostante il killer sia stato preso, il ricovero per le colonie più esposte continua a riempirsi di animali finiti vittime della cattiveria umana. I volontari di Battipaglia e dintorni hanno preso in carico tanti gatti, ma aiutarli a guarire prevede costi economici troppo elevati che purtroppo non sono in grado di sostenere. La situazione per loro è diventata complicata e servono urgentemente profilassi per gli adottandi, cure per i gatti avvelenati trovati vivi, cibo, medicinali e tante altre risorse.

Ecco la richiesta di soccorso pubblicato da uno dei volontari su Facebook:

Siamo in piena emergenza gattini e gattoni randagi. A seguito dei numerosi avvelenamenti in zona, abbiamo ricevuto un locale di ricovero per le colonie più esposte, da parte del sindaco. Anche molti di noi volontari abbiamo preso in carico tanti mici e questo sta risultando insostenibile, dal punto di vista economico:
profilassi urgente per gli adottandi, cure per i gatti avvelenati trovati vivi, cibi, traversine, sabbietta, medicinali, gabbioni per stallo. Vi chiedo di aiutarci in questa battaglia!  L’assassino è stato denunciato a piede libero e nei post aggiungeremo i link dove informarsi. Grazie a coloro che ci aiuteranno

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button