Battipaglia, politica: Inverso si rafforza, Zara con la Francese. Lo strappo di Ciotti

BATTIPAGLIA. Vincenzo Inverso si rafforza col gruppo locale ex Polis Sa, Fernando Zara mette il cappello di Rivoluzione Cristiana sul capo di Cecilia Francese e Pietro Ciotti annuncia la sua candidatura solitaria a sindaco e rompe col Pd. A due mesi dall’ appuntamento con le amministrative, si parla poco di progetti e molto di manovre politiche […]

BATTIPAGLIA. Vincenzo Inverso si rafforza col gruppo locale ex Polis Sa, Fernando Zara mette il cappello di Rivoluzione Cristiana sul capo di Cecilia Francese e Pietro Ciotti annuncia la sua candidatura solitaria a sindaco e rompe col Pd.

A due mesi dall’ appuntamento con le amministrative, si parla poco di progetti e molto di manovre politiche a Battipaglia. Ieri, presso la sede elettorale di Inverso, il candidato sindaco del movimento #perunnuovoinizio ha aperto le braccia all’ingresso nella coalizione del gruppo di Pierdomenico Di Benedetto. «In questo accordo non rientra Polis Sa – ha chiarito Di Benedetto – pur credendo ai suoi valori, non ho condiviso alcuni atteggiamenti dei vertici.

Il mio gruppo ha abbandonato il tavolo del centrosinistra prima delle primarie, quando ci sono state ingerenze di persone che volevano istruirmi sulle decisioni da prendere. La politica a Battipaglia deve essere fatta dai battipagliesi. Il mio gruppo appoggia Inverso perché è una persona sprovincializzata, che guarda ben oltre Battipaglia». Di Benedetto, che si occuperà del Dipartimento Salute #perunnuovoinizio, ha chiarito che «voglio fare qualcosa per la città, soprattutto sulla salute.

I politici parlano di sanità senza conoscere l’argomento. Vorrei creare un osservatorio sulle patologie del territorio che possa recuperare dati da inviare agli organi regionali e nazionali, che decidono sulla sanità anche a livello locale. Serve un approccio diverso della politica alle questioni del territorio». Inverso ha salutato con soddisfazione l’accordo «alla pari» con Di Benedetto, annunciando che i ministri Angelino Alfano (Interno), Beatrice Lorenzin (Salute) e Gianluca Galletti (Ambiente e Territorio), oltre a Pier Ferdinando Casini, Ferdinando Adornato, Gianpiero D’Alia (presidente nazionale Udc) saranno a Battipaglia per sostenerlo. Stefania Greco, alleata di Inverso con il Club Forza Silvio Battipaglia, ha chiuso ieri mattina, a Roma, le polemiche scaturite dopo il suo addio a Forza Italia con l’appoggio del partito alla Francese.

La Greco ha incontrato il presidente nazionale dei Club Forza Silvio, Marcello Fiori, che ha confermato la legittima esistenza del Club battipagliese intitolato a Margaret Thatcher. Oggi, alle 11, Fernando Zara ufficializzerà la sua rinuncia alla candidatura a sindaco. Dopo aver flirtato col centrodestra, in seguito alla rottura con il gruppo di Noi con Salvini, l’ex sindaco metterà il simbolo di Rivoluzione Cristiana nelle mani di Cecilia Francese. Tra i candidati al consiglio non dovrebbe esserci Zara, che raggiungerà nella coalizione della Francese il fratello Carlo.

Ci sarà l’ex consigliere Franco Falcone. Domattina, invece, sarà il turno di Ciotti. Presso la sua sede l’ex sindacalista presenterà liste e linee guida del programma elettorale. Il passo ufficiale che sancirà il “gran rifiuto” al segretario provinciale Pd, Landolfi, di seguire Enrico Lanaro

TAG