Battipaglia, processo al clan Sant’Anna: rideterminate le pene, diverse le assoluzioni

salerno-ricatti-ex-compagna-figlio-perde-affidamento

Processo al clan Sant'Anna di Battipaglia: la Cassazione ha rideterminato diverse sentenze. Diverse sono state anche le assoluzioni

Processo al clan Sant’Anna di Battipaglia: la Cassazione ha rideterminato diverse sentenze. Diverse sono state anche le assoluzioni.

Ecco tutti i nomi del processo al clan Sant’Anna di Battipaglia

Clan Sant’Anna di Battipaglia. Dopo l’annullameno della Cassazione, nella giornata di giovedì, la Corte di appello di Napoli ha emesso la sentenza a carico di coloro che erano ricorsi alla Suprema Corte.

Nel dettaglio i giudici hanno riderminato la pena per:

  • Pasquale Boccia condannato a sette anni di reclusione;
  • assolto Crescenzo Carbone e Vania Groshi in quanto il reato è stato prescritto,
  • sei anni di reclusione la pena per Giuseppe Buono,
  • cinque anni e due mesi la pena rideterminata per Vincenzo De Santis,
  • sette anni e otto mesi ciascuno per Salvatore Maresca e Giancarlo Rossi,
  • due anni nove mesi e dieci giorni per Carmine Marino,
  • due anni e otto mesi a Cosimo Marino,
  • otto anni sei mesi e venti giorni per Palma Cosma.

Sono stati assolti:

  • Antonio Sorgene,
  • Francesco Ruggiero,
  • Daniele Tarallo.

Nel collegio difensivo tra gli altri gli avvocati Capaldo, Cardiello, Toriello. Numerosi furono i soggetti, all’epoca dei fatti, finiti nell’inchiesta della magistratura.


Le Cronache

TAG