Cronaca

Battipaglia, termosifoni spenti nelle scuole. Studenti al gelo

BATTIPAGLIA. Tra i banchi con coperte, plaid, borse dell’acqua calda e persino con stufette portatili: così sono costretti ad andare a scuola centinaia di studenti battipagliesi. Alla riapertura degli istituti scolastici, nonostante la verifica degli impianti di riscaldamento ordinata dal Comune di Battipaglia, molti alunni hanno trovato spiacevoli sorprese. In diverse scuole, infatti, i termosifoni non funzionano (o sono spenti) e all’interno di aule, laboratori e palestre si trema di freddo.

Inutili, almeno fino ad oggi, sono state le proteste di diversi genitori – ed anche qualche insegnante – nei confronti dell’amministrazione comunale. Ieri pomeriggio, i rappresentanti degli studenti e delle famiglie di alcune scuole hanno tenuto una riunione per presentare a Palazzo di Città un documento ufficiale di protesta.

«I nostri figli devono andare a scuola con le coperte, alcuni insegnanti hanno risposto alle nostre lamentele dicendo che potevano portarsi le stufette alogene da casa – affermano alcuni genitori – è inconcepibile che con questo freddo i nostri figli debbano stare in aule senza riscaldamenti».

Francesco Piccolo

Giornalista professionista, direttore del network L'Occhio che comprende le redazioni di Salerno, Napoli, Benevento, Caserta ed Avellino. Direttore anche di TuttoCalcioNews e di Occhio alla Sicurezza.

Articoli correlati

Back to top button