Politica

Battipaglia ufficialmente nell'Area di Crisi. Davide Bruno: «Ringrazio il presidente De Luca»

BATTIPAGLIA. Battipaglia, in data odierna, figura ufficialmente tra i 42 comuni inseriti dalla Regione Campania nell’Area di Crisi (QUI). A tal proposito, il segretario cittadino del Pd, Davide Bruno, ha commentato: «Ringrazio il Presidente della Regione Vincenzo De Luca e l’assessore Amedeo Lepore per l’attenzione e la responsabilità nel credere alle potenzialità e alle risorse del nostro territorio. Battipaglia è stata inserita nell’elenco dei comuni per le aree di crisi, che favorisce l’attuazione delle misure nazionali e regionali di rilancio delle attività industriali. La Giunta Regionale della Campania, su proposta del Presidente della Regione e dell’Assessore alle Attività Produttive, ha approvato l’indicazione delle Aree di crisi industriale non complessa, per realizzare programmi di investimento finalizzati alla reindustrializzazione, alla ripresa occupazionale e allo sviluppo economico dei territori interessati.

Con questo provvedimento, facciamo un importante passo avanti per il rilancio e la riqualificazione del nostro tessuto produttivo e soprattutto lavoriamo per favorire l’occupazione. Il nostro territorio, attraverso l’area di crisi ha davanti a sé una grande opportunità legata agli strumenti e alle agevolazioni che dobbiamo mettere a frutto sia come Comune di Battipaglia che come regione Campania in termini di professionalità, competitività e capacità di innovarsi e rinnovarsi per consolidare le imprese esistenti di fronte alla sfida dell’innovazione e per attrarre nuovi investimenti per garantire un nuovo sviluppo.

La scelta della giunta regionale testimonia l’adozione di criteri oggettivi e di merito tesi a favorire la ripresa industriale e occupazionale in un’area da sempre centrale nelle attività imprenditoriali della Campania. Va riconosciuta una battaglia fatta dal partito democratico e poi da tutti a Battipaglia per il rilancio delle imprese sul nostro territorio».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button