Cronaca

Blitz anti-camorra nella Piana del Sele: 9 arresti – I NOMI

SALERNO. Quattro insospettabili in manette per estorsione. Stando a quanto riporta La Città si tratterebbe di uomini affiliati al clan Ridosso-Loreto. All’alba di questa mattina, gli uomini della Dia, e del reparto territoriale dei carabinieri, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare a carico di quattro individui con l’accusa di estorsione aggravata da metodo mafioso. Giovanni e Giuseppe Fusco, padre e figlio, commercianti, Alessandro Maddaloni e Raffaele Esposito le persone fermate. I quattro, ritenuti le “nuove leve” del clan Ridosso-Loreto, avrebbero chiesto come “pizzo” un intero immobile.

Anche i carabinieri delle compagnie di Battipaglia ed Eboli stanno eseguendo provvedimenti di custodia cautelare in carcere nei confronti di cinque indagati, ritenuti responsabili di estorsione nei confronti di diversi imprenditori della Piana del Sele. Si tratta di elementi vicini al gruppo camorristico “Pecoraro-Renna“.

Tra le varie cose, avrebbero incendiato un autocarro ad un imprenditore edile di Salerno, e poi la macchina nel suo giardino di casa. un altro, responsabile della logista di un’azienda agricola di Pontecagnano Faiano, è stato colpito ripetutamente con spranghe di ferro. Nei confronti di un imprenditore ebolitano, sono stati esplosi colpi di arma da fuoco lungo la SP30. Infine, una testa di maiale è stata fatta recapitare ad un imprenditore di Pontecagnano che non si era “piegato al diktat” nel noleggio di videogiochi e slot machine.

I NOMI

1) Sergio BISOGNI, capoclan PECORARO-RENNA. 47enne di Montecorvino Pugliano;

2) Francesco MOGAVERO, 37enne referente del clan su Pontecagnano

3) Maurizio DE MARTINO 27enne di Pontecagnano Faiano

4) Sergio RAINONE 40enne di Mercato San Severino ma residente ad Eboli

5) Francesco SESSA, 28enne di Campagna

IL COMMENTO

A condurre le operazioni i due capitani delle compagnie di Eboli e Battipaglia, rispettivamente Alessandro Cisternino ed Erich Fasolino. Ecco come hanno commentato il blitz:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button