Cronaca

Blitz nel salernitano, droga paragonata ad una donna: «Mamma mia, è un patatone»

SALERNO. “E’ garbata? Si … si, alta, nera grossa propria”. “Mamma mia, un patanone!”. È una delle intercettazioni tra Roberto Bernicchi e Giulio Del Mastro due dei 18 arrestati nel blitz di ieri che ha smantellato due sodalizi criminali che controllavano le piazze di spaccio a Salerno e a Bellizzi ma anche a Battipaglia, Pontecagnano e Cava de’ Tirreni.

Blitz nel salernitano, droga paragonata ad una donna: «Mamma mia, è un patatone»

Organizzazioni criminali che avevano stretto alleanze con fornitori di Scampia e Torre Annunziata oltre che fornitori dell’Agro nocerino. A loro disposizione hashish, cocaina, marijuana, eroina e crack, spacciate in quantità importanti tali che, il gruppo di Bellizzi, col tempo si era anche affrancato dalla vicinanza al clan Pecoraro Renna, fino a costituire un sodalizio criminale autonomo.

I nomi degli arrestati

18 le persone arrestate (13 in carcere e cinque ai domiciliari). In carcere sono finiti i due promotori e capi, il 57enne Salvatore Del Giorno dell’associazione di Salerno e il 51enne Roberto Benicchi di quella di Bellizzi. Stessa sorte per il 45enne Andrea Avagliano , 39enne Ernesto Daponte (originario di Pontecagnano), il 26enne Pietro Del Mastro junior, il 37enne Guglielmo Di Martino , e il 30enne Mario D’Alessio detto “‘o Bilott”, tutti di Bellizzi; il 55enneRaffaele Augusto di Eboli, il 40enne Mario Cirelli di Napoli, il 36enneFrancesco D’Elia di Nocera Inferiore, il 53enne Gerardo Aniello Paganodi Montecorvino Rovella, il 43enne Cosma Palma di Battipaglia e il 46enne Roberto Senatore di Vietri Sul Mare.

E proprio Bernicchi e Del Mastro, in una conversazione telefonica, paragona la droga ad una donna per comprendere la qualità dello stupefacente da smerciare come si legge su La Città oggi in edicola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button