Cronaca

Bomba carta esplosa al “Teca bar” di Nocera Inferiore, l’indagato Michele Cuomo resta in silenzio

Bomba carta esplosa al "Teca bar" di Nocera Inferiore, l'indagato Michele Cuomo ha scelto il silenzio, nel corso degli interrogatori di garanzia

Bomba carta esplosa al “Teca bar” di Nocera Inferiore, l’indagato Michele Cuomo ha scelto il silenzio, nel corso degli interrogatori di garanzia, insieme a Domenico Rese e Francesco Gambardella, in carcere e indagati dall’Antimafia per la bomba esplosa lo scorso 21 gennaio al  bar situato in via Matteotti.

Bomba carta esplosa al “Teca bar” di Nocera Inferiore, svolta nelle indagini

Come scrive  l’odierna edizione de Il Mattino, in un articolo a firma di Nicola Sorrentino, al giudice, la difesa ha presentato una memoria, nella quale vengono respinte le accuse di appartenenza ad un clan di camorra oltre che di estraneità ai fatti.

Che cos’è successo

L’esplosione avvenne nella notte del 21 gennaio scorso. La grossa bomba carta aveva danneggiato pesantemente l’interno dei locali e i distributori automatici. L’esplosione c’è stata poco prima delle 2 del 21 gennaio. Sul luogo sono intervenuti i carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore, guidati dal tenente colonnello Rosario Di Gangi.

Articoli correlati

Back to top button