Cronaca

Bomba ecologica a Battipaglia: fermo anche l’impianto di Polla. È emergenza

Bomba ecologica a Battipaglia: si ferma al palo anche l’impianto di Polla. Adesso scatta una vera e propria emergenza che va subito affrontata.

Ancora problemi per Battipaglia: c’è la grana rifiuti

Le brutte notizie per Battipaglia potrebbero non finire oggi con il disinnesco della bomba inglese. Dietro l’angolo ci sarebbe una nuova ordinanza della provincia di Salerno per ampliare ulteriormente il carico di rifiuti allo Stir. Colpa dello stop all’utilizzo del sito individuato a Polla nell’ambito del piano d’emergenza disposto dalla Regione Campania in seguito ai lavori di manutenzione al termovalorizzatore di Acerra.

L’impianto di Polla non sarebbe pronto, in più c’è un ricorso da parte del sindaco Rocco Giuliano che ha chiesto l’annullamento del piano relativo a Polla. Ricorso che dovrebbe discutersi al Tar di Salerno la prossima settimana. Resta comunque l’impossibilità di aprire l’area di Polla.

Qui si dovevano stoccare 2000 tonnellate di frazione umida stabilizzata (Futs) ma ultimi sopralluoghi avrebbero evidenziato dei problemi strutturali in un capannone con la necessità di avviare dei lavori.

Al vaglio c’è la possibilità di stoccare i rifiuti destinati a Polla in un capannone all’interno dello Stir di Battipaglia ma al momento mancherebbe l’ordinanza del presidente della Provincia Michele Strianese. Ma le polemiche aspre che arrivano da Battipaglia ma anche da Eboli creano non pochi dubbi al presidente Strianese.


Andrea Pellegrino da Cronache

Articoli correlati

Back to top button