Curiosità

Camminare fa bene alla salute. Cinque motivi per iniziare

In questo periodo di smart working e di restrizioni, con le palestre chiuse, la vita di ognuno di noi è andata incontro a profondi cambiamenti

In questo periodo di smart working e di restrizioni, con le palestre chiuse, la vita di ognuno di noi è andata incontro a profondi cambiamenti. Siamo diventati più sedentari, anche per una mancanza di stimoli, e per questo è importante fare un passo indietro (o in avanti, dipende dai punti di vista). Vuol dire riattivarsi e mettere nuovamente in moto il corpo, facendo attività fisica. Anche la camminata va bene, perché ha tanti vantaggi spesso e a torto sottovalutati. E ora che sta arrivando il bel tempo, sarebbe davvero un peccato non sfruttare questa opzione. Vediamo dunque cinque motivi validi per iniziare a passeggiare.

  1. Camminare fa dimagrire: per prima cosa, le camminate fanno dimagrire, perché attivano il metabolismo e consentono al nostro corpo di bruciare calorie. Da questo punto di vista, però, è importante passeggiare almeno 30 minuti al giorno, visto che le funzioni metaboliche si attivano dopo 10 o 15 minuti di attività. In secondo luogo, camminare rinforza i muscoli delle gambe e questo giova anche alla salute delle articolazioni.
  2. Camminare fa bene al cuore: fra i tanti benefici delle passeggiate troviamo anche i vantaggi diretti per la salute del cuore. Camminare fa bene all’intero apparato cardiocircolatorio, e inoltre rinforza il muscolo, rendendolo più performante e riducendo il rischio di insufficienza cardiaca. In tal senso è bene specificare che la camminata veloce ha dei vantaggi ancor più evidenti per il cuore, dato che abbatte in maniera ulteriore questo pericolo.
  3. Aiuta ad assorbire la vitamina D: questo è un vantaggio che appartiene a tutte le attività svolte all’aria aperta. Le passeggiate, così come il running e la bicicletta, aiutano ad assorbire la vitamina D, per via dei raggi ultravioletti del sole. Per capire meglio che cos’è la vitamina D si possono leggere approfondimenti specifici sui siti come Shop Farmacia.
  4. Passeggiare migliora il sonno: camminare stimola il sonno, e dunque permette al nostro cervello di ricaricare le batterie in vista delle nuove giornate. In secondo luogo, migliora anche la qualità delle nostre notti, e questo beneficio aumenta in relazione ai passi mossi durante l’attività fisica. Stando ad un recente studio, per ottenere questi benefici si dovrebbero fare almeno 3 mila passi al giorno.
  5. Combatte ansia e depressione: passeggiare aiuta il nostro organismo a sviluppare endorfine, note non a caso come ormoni della felicità. Le endorfine migliorano l’umore e di conseguenza diventano una sorta di cura naturale contro stati negativi e potenzialmente pericolosi come l’ansia, la depressione e gli attacchi di panico. Anche in questo caso, ci sono diverse ricerche che lo testimoniano.

In conclusione, adesso che il sole sta iniziando a fare capolino (insieme alla bella stagione) è il caso di iniziare a rompere gli indugi con le passeggiate. Sono infatti numerosi i vantaggi che le camminate assicurano, sia a livello fisico che psicologico e umorale, e inoltre si tratta di uno sport che non grava sulle articolazioni.

Articoli correlati

Back to top button