Capaccio: assolto ieri l'ex comandante Antonio Rinaldi

CAPACCIO. L’ ex comandante della polizia di Capaccio Antonio Rinaldi, è stato assolto ieri per non aver commesso il fatto. Secondo il pubblico ministro Maurizio Cardea, che aveva chiesto la pena di 1 anno e mezzo,  l’ufficiale dei vigili urbani aveva fatto da tramite per una tangente di 10mila euro che l’imprenditore Giuseppe Mandetta avrebbe pagato […]

CAPACCIO. L’ ex comandante della polizia di Capaccio Antonio Rinaldi, è stato assolto ieri per non aver commesso il fatto.

Secondo il pubblico ministro Maurizio Cardea, che aveva chiesto la pena di 1 anno e mezzo,  l’ufficiale dei vigili urbani aveva fatto da tramite per una tangente di 10mila euro che l’imprenditore Giuseppe Mandetta avrebbe pagato all’ex comandante della Forestale di Foce Sele, Marta Santoro.

La vicenda risale a ben 6 anni fa quando ci fu un sequestro nel parcheggio roulotte gestito da Mandetta ed eseguito dalla  dai militari della Capitaneria di porto di Agropoli nel 2007, ai tempi la custodia dell’area fu affidata alla polizia locale, ma a quel provvedimento seguirono numerose violazioni dei sigilli attuate dai proprietari e accertate dai vigili urbani.

Mandetta, quindi, fece avviare un procedimento giudiziario per corruzione, denunciando di aver fatto arrivare a Marta Santoro 10mila euro per garantirsi l’immunità dai controlli e finendo così lui stesso sul banco degli imputati insieme alla figlia Rita e alla moglie Vincenza Marone. La sua denuncia, insieme a quelle di altri imprenditori, fece scattare l’inchiesta per concussione per la quale la Santoro è stata condannata in primo grado a 8 anni e 4 mesi.

Fonte: La Città

TAG