Capaccio Paestum, ricorso respinto: le ambulanze della Croce Azzurra restano ferme

croce-azzurra-agropoli

Il Tar ha respinto il ricorso della Croce Azzurra di Capaccio Paestum: le ambulanze dovranno lasciare i territori di competenza

Il Tar ha respinto il ricorso della Croce Azzurra Onlus: le ambulanze dell’associazione di volontari resteranno ferme e dovranno lasciare i territori di competenza.

Niente assistenza per le ambulanze della Croce Azzurra di Capaccio Paestum: ricorso respinto

Niente da fare per le ambulanze della Croce Azzurra onlus di Capaccio Paestum: i mezzi rimarranno ancora fermi dato che il Tar ha respinto il ricorso presentato dall’associazione volontaria di pubblica assistenza contro tutti i provvedimenti di sospensione.

Le ambulanze in questione sono attive non solo sul territorio di Capaccio Paestum, ma anche su Agropoli, Santa Maria di Castellabate e Acerno.

Al riguardo, i giudici del Tar sottolineano, invece, che “la mancata realizzazione degli scopi solidaristici” che la Croce Azzurra persegue “ben potrebbe essere oggetto di risarcimento per equivalente ove imputabile, ben vero, all’Amministrazione resistente”,ovvero dall’Asl di Salerno, trasmettendo in via cautelativa l’ordinanza di rigetto “alla Procura regionale della Corte dei Conti affinché, avuto riguardo alle pattuizioni contenute nelle convenzioni stipulate con la Croce Azzurra, valuti se l’affidamento del servizio previsto sia coerente, così come in concreto predisposto, con il perseguimento degli obiettivi di solidarietà ed efficienza di bilancio e, quindi, contribuisca al controllo dei costi legati a tale servizio”.

Adesso, i legali della Croce Azzurra sembrerebbero intenzionati a fare ricorso al Consiglio di Stato.

 

TAG