Politica

Capaccio soffia la Guardia di Finanza ad Agropoli

CAPACCIO. Il Comune di Capaccio, retto dal sindaco Italo Voza, ha concesso i locali dell’ex macello in comodato d’uso trentennale alla Guardia di Finanza al fine di ospitare il Comando della Compagnia di Agropoli, che si trasferirebbe, quindi, a Capaccio Scalo, dov’è in corso la ristrutturazione della struttura che sorge lungo Viale della Repubblica: l’edificio e le relative pertinenze saranno pronti entro la fine dell’anno, nel rispetto dei vincoli temporali imposti dalla Regione Campania nell’ambito dell’Accelerazione di spesa dei fondi POR, che devono rispettare il cronoprogramma dettato dall’agenda di Lisbona.

La Giunta comunale ha deliberato la piena disponibilità a venire incontro alle richieste delle fiamme gialle di Agropoli, che già nel dicembre scorso avevano chiesto, al Comune di Capaccio, la disponibilità a concedere in comodato d’uso gratuito un apposito edificio da destinare ad uso caserma, nell’ottica dei tagli alla spesa pubblica dettati dalla spending rewiew. Un’eventualità che ora sta diventando una certezza: allo scopo, il 27 maggio scorso, è stato effettuato un apposito sopralluogo tecnico nell’area dell’ex macello fra rappresentanti della Guardia di Finanza e del Comune di Capaccio.

L’Ente ha preso l’impegno di concedere l’uso gratuito dell’intero fabbricato di proprietà comunale, già completamente adeguato alle esigenze e prescrizioni tecniche richieste, dal momento che la destinazione d’uso dell’immobile è pienamente compatibile con lo strumento urbanistico vigente; l’edificio, nella sua interezza, sarà realizzato conformemente alla normativa vigente, compreso quella della prevenzione incendi e degli impianti tecnologici in genere.

Allo scopo, è stato previsto, inoltre, di realizzare particolari tipologie di locali per le inderogabili esigenze istituzionali del Corpo (aree di guardia, autorimesse, celle di sicurezza, armerie, magazzini ecc.): a tal fine, l’Amministrazione comunale attende entro 30 giorni, ora, una risposta dalla Guardia di Finanza per provvedere all’adeguamento dei locali.

Articoli correlati

Back to top button