Cronaca

Caso di meningite all'università, dal Ruggi: «nessuna epidemia» – IL DOCUMENTO

SALERNO. Mentre le condizioni della studentessa avellinese non sembrano migliorare, si infoltisce la cerchia degli operatori sanitari che invitano alla prudenza la collettività e gli organi d’informazione.

Dopo il caso di meningite all’Università degli Studi di Salerno, infatti, sono pervenute oltre 250 chiamate al centralino della sede cittadina dell’Asl. E anche all’interno dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” qualche timore di troppo tra gli addetti ai lavori c’è stato, tanto da spingere i medici del reparto Malattie Infettive a diffondere un comunicato (dai toni informali) tra i colleghi. Il senso è chiaro: niente panico.

“Dopo settimane di ripetuti allarmi”, comincia così il testo, “finalmente un po’ di tregua dai quotidiani che hanno generato terrore con ingiustificati ricorsi a misure di profilassi (vaccini e antibiotici) potenzialmente pericolosi”.

Seguono, poi, quattordici punti in cui vengono spiegate le ragioni per cui non è in corso alcuna epidemia: l’Italia è tra i paesi europei con la minore incidenza della malattia meningococcica; la vaccinazione di massa è riservata ai casi di epidemia (vale a dire nel caso in cui dovessero essere rilevati almeno cento casi di meningite ogni milione di abitanti nell’arco di tre mesi); il meningococco, a differenza di quel che si crede comunemente, ha scarsa diffusibilità.

Tutti gli altri punti del comunicato possono essere visionati dettagliatamente nell’allegato.


Il documento del Ruggi

(clicca per ingrandire la foto)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button