Caso legionella a Pagani: il batterio manda due persone in ospedale

legionella

A Pagani è scoppiato il caso di due persone finite in ospedale perché colpite dal batterio della legionella: una di loro è fortunatamente fuori pericolo

PAGANI. In questi giorni a Pagani è scoppiato il caso di due persone finite in ospedale perché colpite dal batterio della legionella: una di loro è fortunatamente fuori pericolo.

Batterio della legionella a Pagani: in due finiscono in ospedale

Due persone di Pagani sono finite in ospedale perché affette dalla legionellosi, un’infezione causata dal batterio della legionella. Il caso è scoppiato in questi giorni e ha interessato un uomo di via Barbazzano e una donna che sarebbe la madre di un noto professionista paganese. Nel primo caso, l’uomo residente in via Barbazzano è stato ricoverato presso l’ospedale Mauro Scarlato di Scafati e attualmente sarebbe fuori pericolo, mentre restano ancora sconosciute le condizioni della seconda persona colpita dall’infezione.

La legionellosi colpisce l‘apparato respiratorio e può manifestarsi attraverso la malattia del legionario e la febbre di Pontic. La legionella è il batterio che provoca questa patologia e quella più pericolosa è la Legionella pneumophila, a cui sono collegati almeno il 90% dei casi.

La legionella di solito è presente negli ambienti acquatici naturali e artificiali come sorgenti, fiumi, laghi, vapori e terreni. In molti casi viene trasmessa attraverso strumenti come l’aerosol o condizionatori, nel momento in cui si inala acqua in piccole dosi contaminata da un certo numero di batteri presenti. Questi batteri, una volta a contatto con i polmoni dei soggetti a rischio, tendono a far manifestare i sintomi dell’infezione ormai imminente. Chi viene colpito dal batterio della legionella può andare incontro dalla febbre di Pontiac o da legionellosi. In caso di febbre di Pontiac, la persona infetta deve sottoporsi a un periodo di incubazione che oscilla tra le 24 e le 48 ore, con tempi di risoluzione tra i 2 e i 5 giorni. Oltre a malessere, cefalee e tosse, possono essere presenti sintomi gastrointestinali, neurologici e cardiaci e complicanze varie; nei casi più gravi può addirittura essere letale.

 

TAG