Castellabate, continua la polemica sulle “salate” bollette dell’acqua

castellabate-polemica-salate-bollette-acqua

Castellabate, continua la polemica sulle "salate" bollette dell'acqua: scatta per valutare la revoca dell'affidamento della gestione alla Consac

Castellabate, continua la polemica sulle “salatebollette dell’acqua: scatta la richiesta del Consiglio Comunale da parte dell’opposizione per valutare la revoca dell’affidamento della gestione alla Consac.

Ancora polemica sulle bollette dell’acqua a Castellabate

I cittadini nelle scorse settimane si erano visti recapitare bollette per il servizio idrico quasi quadruplicate nei loro importi rispetto alle annualità passate. Da lì un’accesa polemica si era scatenata sul web ma non solo.

I consiglieri di opposizione avevano preannunciato questa possibilità già all’indomani del passaggio della gestione del servizio alla Consac ma fino a quando non sono state recapitate le richieste di pagamento nessuno aveva più di tanto prestato attenzione alla cosa.

Visto il “panico” creatosi fra gli utenti del servizio, per tranquillizzare i suoi concittadini, il Sindaco Spinelli si è determinato a chiedere chiarimenti alla Consac e ha poi fatto sapere che, per le bollette al di sopra dei 200 euro, gli operatori della Consac avrebbero effettuato la lettura dei contatori e che a seguire sarebbero state recapitate nuove bollette con lo scorporo del consumo presunto e contenenti solo il consumo effettivo.

Ciò non è bastato a calmare l’Opposizione che vuole capire meglio e andare a fondo della questione per dare risposte alle tante perplessità dei cittadini che temono altri e futuri salassi.

Per tale ragione fanno sapere che come Gruppo Consiliare hanno chiesto la convocazione del Consiglio Comunale per annullare la convenzione stipulata con la Consac e quindi per abbassare le tariffe dell’acqua. Sarebbero quest’ultime infatti la vera e unica causa delle salatissime bollette arrivate ai cittadini di Castellabate.

Con questo atto ufficiale l’opposizione ha inteso inoltre ribadire ancora una volta la ferma posizione sulla necessità di togliere la gestione idrica alla Consac.

TAG