Cava de’ Tirreni, appello disperato a De Luca: “Non abbiamo i soldi per curare nostra figlia”

de luca

Cava de' Tirreni, appello disperato a De Luca di una famiglia che attende un risarcimento per i danni subiti dalla loro bambina

Cava de’ Tirreni, appello disperato a De Luca di una famiglia che attende un risarcimento pari a circa tre milioni di euro per i danni subiti dalla loro bambina a seguito di un ricovero al “Cardarelli”.

Appello di una famiglia a De Luca

Eugenio Manzo e Matilde Memoli, di Cava de’ Tirreni, necessitano di quel risarcimento danni per assicurare alla loro figlia Arianna, le cure necessarie. La coppia ha deciso di rivolgersi al presidente della regione Campania Vincenzo De Luca chiedendo un suo intervento presso la direzione dell’ospedale partenopeo.

La riteniamo – si legge nella lettera inviata a Vincenzo De Luca – l’unica persona realmente in grado di poter risolvere le problematiche che riguardano nostra figlia e perché Lei è persona, da sempre, vicino alle esigenze della gente ma anche perché, dopo tanti anni di sofferenza in silenzio e battaglie in Tribunale sostenute grazie alla gratuita assistenza del nostro avvocato, le nostre condizioni economiche – io ormai dal 2005 non lavoro più per prestare assistenza ad Arianna e mia moglie, Matilde, è dipendente, part time, di una casa di cura per anziani, – non ci consentono più di offrire a nostra figlia l’assistenza continuativa oltre che il minimo delle cure di cui abbisogna, anche al solo fine di tentare di lenire le grandi sofferenze cui è quotidianamente sottoposta”.

La condanna del Tribunale

L’ospedale Cardarelli è stato condannato dal Tribunale di Salerno a risarcire Arianna ad una somma di poco inferiore ai tre milioni di euro che la coppia vorrebbe utilizzare per acquistare una casa rispondente alle esigenze di Arianna e per garantirle quelle cure alle quali è stata costretta a rinunciare per anni.

«Dall’epoca, benché tale pronuncia sia, com’è noto, immediatamente esecutiva e nonostante i reiterati solleciti formulati dal nostro difensore, avvocato Mario Cicchetti di Rieti, alla Direzione dell’Azienda sanitaria, quest’ultima ha ritenuto di non ottemperare all’ordine del Giudice, proponendo, altresì, appello la cui prima udienza del giudizio si celebrerà il prossimo 25 giugno. Tra le altre cose, è stata chiesta la sospensione del pagamento di quanto dovuto in favore di nostra figlia a titolo di risarcimento del danno.
Non possiamo non evidenziarLe che, a tutt’oggi, neanche una minima somma a titolo di anticipo è stata da loro versata in favore di nostra figlia per consentirle il minimo delle cure e dell’assistenza di cui necessita ormai da anni e delle quali la Direzione dell’Azienda è perfettamente al corrente.

Le saremmo, pertanto, infinitamente grati se potesse sollecitare alla Direzione dell’Azienda il pagamento di quanto dovuto in favore di nostra figlia. Nell’eventualità che ritenesse di avere bisogno di ulteriori delucidazioni ci rendiamo, sin d’ora, disponibili a raggiungerla nel suo ufficio insieme al nostro Avvocato. Certi di poter contare sul Suo interessamento, porgiamo i nostri più distinti ossequi”. Concludono.

 

TAG