Cronaca

Cava de’ Tirreni, il boss Bisogno in sciopero della fame

L’ergastolano Mario Bisogno, ex capo dell’omonimo clan camorristico che in nome della «Nuova Famiglia» dettava legge a Cava de’ Tirreni ha intrapreso lo sciopero della fame e della sete per protestare contro il regime carcerario che sembra negargli il diritto alla salute.

Sciopero della fame per il boss Bisogno

L’ex boss rischia di morire in carcere: è nuovamente finito dopo la revoca dei domiciliari accordatagli lo scorso 9 aprile dal tribunale di Bologna in virtù delle sue gravissime patologie e «in considerazione della situazione di emergenza epidemiologica da Covid».

Secondo quanto denunciato dal legale del detenuto, al 74enne non è nemmeno più somministrata la terapia d’ossigeno che praticava al regime dei domiciliari. Non riceve medicinali per placare i dolori causatigli da un tumore galoppante e nonostante apposite richieste da parte del legale, dai sanitari del carcere non è stata effettuata alcuna relazione sul suo stato di salute che, come evidenziato dalla sua cartella clinica di duemila pagine, sarebbe incompatibile con il regime carcerario.

Articoli correlati

Back to top button