Cronaca

Cava de' Tirreni, questione ospedale: Galdi chiama Servalli

CAVA DE’ TIRRENI. L’ex sindaco di Cava de’ Tirreni, nonché consigliere comunale Marco Galdi, ha chiesto al Sindaco Vincenzo Servalli, tramite posta elettronica certificata, la convocazione urgente di un tavolo di discussione sulla Sanità per verificare i contenuti del nuovo Piano Ospedaliero del nosocomio  Santa Maria Incoronata dell’Olmo.

Scrive Galdi «Dalla lettura dei giornali odierni  emergono notizie poco chiare ed assai preoccupanti circa il c.d.”Piano Polimeni”, già presentato al Ministero della Salute. Non solo si dà per scontata la definitiva chiusura del reparto di Ginecologia ed Ostetricia per il Santa Maria Incoronata dell’Olmo, a fronte invece della riapertura del reparto a Mercato San Severino, ma si adombra per Cava de’ Tirreni un Ospedale “solo sulla carta” in balia delle decisioni del Manager del Ruggi d’Aragona».

Secondo il segretario generale della Fnp Cisl Salerno, Giovanni dell’Isola, in merito al nuovo piano ospedaliero redatto dal commissario Polimeni. «Su Cava de’ Tirreni – ha affermato – si stanno commettendo gravi errori. Perché eliminare il punto nascite? Perché farlo e poi far decidere il resto al manager del “Ruggi d’Aragona”? La città metelliana ha bisogno di un ospedale, ma vero e non solo sulla carta».

«In qualità di consigliere comunale – spiega Galdi – chiedo di essere informato sulla situazione con la massima urgenza e ritengo che il luogo più adatto sia un Tavolo sulla sanità, come per prassi aperto ai rappresentanti politici, locali e regionali, alle sigle sindacali ed alle associazioni dei consumatori. In attesa di celere riscontro, porgo deferenti saluti».

Articoli correlati

Back to top button