Cronaca

Cava de’ Tirreni, tentata truffa telefonica da 5mila euro ai danni di una donna

Tentata truffa telefonica avvenuta a Cava de’ Tirreni ai danni di una donna che vive in località San Lorenzo: un uomo si è spacciato per un avvocato

Tentata truffa telefonica avvenuta a Cava de’ Tirreni ai danni di una donna che vive in località San Lorenzo: un uomo si è spacciato per un avvocato. Gli aveva riferito: “Tuo figlio ha avuto un incidente d’auto e ha bisogno di soldi altrimenti va in prigione”.

Cava de’ Tirreni, tentata truffa telefonica

Una cittadina metelliana è stata la protagonista di un tentativo di truffa, fortunatamente sventata. L’episodio è avvenuti nella giornata di ieri. A ora di pranzo la donna era sola in casa ed ha ricevuto una chiamata sul telefono fisso di casa da un uomo che si è spacciato per un sedicente avvocato. Il personaggio in questione le ha raccontato che il figlio era stato coinvolto in un incidente stradale e ad avere la peggio era stata la conducente dell’altro veicolo, una donna che si trovava in gravi condizioni di salute e necessitava di cure costose.
L’interlocutore telefonico le ha chiesto 5mila euro necessari per attivare le operazioni legali necessarie ad evitare che il figlio finisse in carcere.

La risposta

La donna, presa in contropiede, ha risposto dicendo di non avere a disposizione quella cifra. Mentre sempre più spaventata ascoltava l’insistente richiesta, è squillato il telefono cellulare ed ha risposto. Era l’altro suo figlio che, insospettito da numerose chiamate con numero anonimo al telefono fisso della sua attività commerciale, l’ha chiamata. Al racconto della signora, il figlio le ha detto di non credere a quanto le stavano dicendo poiché si trattava di una truffa.

La signora riattacca la chiamata

L’interlocutore telefonico ha immediatamente attaccato la cornetta, interrompendo la chiamata. La signora ha poi raccontato di aver visto, poco prima di ricevere la telefonata, una persona aggirarsi attorno alla sua abitazione. Probabilmente era il complice a cui avrebbe dovuto dare i 5mila euro richiesti.

Articoli correlati

Back to top button