Cronaca

Cava de’ Tirreni, faceva scommettere abusivamente sulle partite di Serie A: nei guai titolare di un bar

Cava de' Tirreni, scommesse abusive in un bar: titolare denunciata dopo la scoperta della Guardia di Finanza

Scoperto e stroncato un giro di scommesse abusive in un bar di Cava de’ Tirreni. Nei giorni scorsi, i Finanzieri del Comando Provinciale di Salerno hanno denunciato la titolare di un bar di Cava de’ Tirreni , dove veniva effettuata la raccolta abusiva delle scommesse. Dopo una serie di appostamenti, le Fiamme Gialle della città hanno notato che, soprattutto a ridosso incontri calcistici di rilievo, alcuni avventori erano soliti incontrarsi nei pressi dell’esercizio commerciale.


cava-tirreni-scommesse-abusive-bar-titolare-denunciata


Cava de’ Tirreni, scommesse abusive in un bar: titolare nei guai

La conferma del sospetto si è avuta verso la fine del campionato di Serie A: nonostante le cautele osservate all’uscita del bar, una pattuglia di Finanzieri è riuscita a fermare un cliente con in mano due scontrini, del tutto simili alle “bollette” rilasciate per l’incasso delle eventuali vincite.

Ed infatti, durante la successiva ispezione del locale, i militari hanno rinvenuto, ben celato dietro una colonna, un computer collegato all’home page di un sito di scommesse sportive, con tanto di stampante delle ricevute ed una cassetta di sicurezza con il presumibile introito delle giocate raccolte. Sia i dispositivi informatici che il denaro contante sono stati quindi immediatamente posti sotto sequestro.


cava-tirreni-scommesse-abusive-bar-titolare-denunciata


Il provvedimento

La titolare del bar, verbalizzata pure per la violazione delle norme anti-Covid che tuttora impongono la chiusura di sale gioco e centri scommesse, è stata cosi denunciata dai Finanzieri a questa Procura della Repubblica per il reato di “esercizio abusivo e organizzazione di scommesse”. L’accettazione delle giocate avveniva infatti in assenza delle prescritte autorizzazioni amministrative, tramite un allibratore estero irregolare. Per tale condotta illecita, rischia adesso una condanna fino a tre anni di reclusione.

 

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button