Cronaca

Coronavirus, 36 persone contagiate al centro Juventus di Sala Consilina

Coronavirus, bilancio drammatico al centro Juventus di Sala Consilina: sono arrivati in tarda serata ulteriori risultati sui tamponi e sono 19 quelli risultati positivi, che sommati ai 17 già noti si arriva a 36 persone contagiate tra operatori e anziani.

Coronavirus, 36 contagi al centro Juventus

Oltre ai 36 contagi del centro Juventus di Sala Consilina, si registrano due decessi.  E si attendono anche altri risultati nei prossimi giorni. Una situazione complessa sulla quale c’è massima attenzione da parte delle autorità e dell’Asl. La Fondazione che gestisce la casa di cura ha garantito l’assistenza massima per gli ospiti.

I chiarimenti dei responsabili della struttura

“Da febbraio – spiegano i responsabili della struttura – ci siamo attivati per fronteggiare l’emergenza prevedendo l’ingresso nella struttura di un familiare alla volta, munito di guanti e mascherina con un tempo massimo di visita di 15 minuti, dal 5 marzo la struttura è chiusa al pubblico e la scorsa settimana tutti gli ambienti sono stati sanificati con l’ozono”.

“Fino a quando è stato possibile far accedere persone esterne per le prestazioni ambulatoriali alle persone è stato chiesto di firmare un’autocertificazione in cui si dichiarava di non essere stati nei giorni precedenti in zone rosse del nord Italia e due persone sono state allontanate perché non hanno voluto firmare l’autocertificazione – proseguono – Adesso con una parte di operatori in quarantena abbiamo pubblicato un annuncio per assumere nuovi OSS ed abbiamo avuto una valanga di candidature che vaglieremo nelle prossime ore”.

“Gli anziani resteranno qui da noi ed avranno tutta l’assistenza necessaria, abbiamo anche chiesto all’ASL, non essendo noi un ospedale, il supporto anche di qualche sanitario che possa indirizzarci per eventuali terapie mediche per i casi accertati di Coronavirus – concludono dal centro – Inoltre abbiamo inviato al Comune gli elenchi di tutte le persone presenti nella struttura così da poter agevolare la ricostruzione di tutti i contatti che queste possono aver avuto con altre persone e adottare i provvedimenti necessari”.

Articoli correlati

Back to top button