Cronaca

Cetara: al porto sigilli a 28 box: trovate attrezzature dei pescatori custodite abusivamente

CETARA. Doppio intervento ieri mattina della Guardia Costiera nel porto di Cetara. Intorno alle 8 la segnalazione di grosse chiazze oleose all’interno del bacino: i militari degli uffici locali marittimi di Cetara e Maiori, con i colleghi di Salerno, hanno incaricato una ditta del posto di contenere il fenomeno attraverso l’installazione di panne e l’utilizzo di appositi panni assorbenti per la bonifica dalla contaminazione da idrocarburi.

Lo specchio acqueo è risultato bonificato, senza alcun rischio per la flora e la fauna marina. Stimati circa cento litri di olio finiti in mare, con ogni probabilità provenienti dal motore di una grossa imbarcazione. Si indaga.

L’intervento della Guardia Costiera

Poco dopo l’intervento ambientale, i militari in seb hanno sottoposto a sequestro, in esecuzione di un’ordinanza della Procura della Repubblica di Salerno, ben 23 box del molo di sottoflutto del porto che fungevano da deposito attrezzature da pesca.

Accertato che gli strumenti venivano custoditi illegalmente dai pescatori cetaresi, in assenza dei necessari titoli autorizzativi. Abusivi veri e propria anche concessionari, autorizzati dal Comune ma privi del nulla osta della Regione, autorità competente in materia. Una trentina i pescatori interessati, che hanno dovuto trasferire altrove tutta la loro attrezzatura con i locali sottoposti a sequestro.


fonte: Il vescovado

Articoli correlati

Back to top button