Cronaca

Cimitero di Angri, sconti sulle sepolture: uno dei custodi patteggia condanna di 20 mesi

Cimitero di Angri, sconti sulle sepolture: uno dei custodi patteggia condanna di 20 mesi. Si tratta di Luigi Cagnazzi. Altre 13 persone rischiano il processo.

Il custode patteggia la condanna: continua il caso degli sconti sulle tumulazioni al cimitero di Angri

Era finito al centro dell’inchiesta legata agli sconti sulle sepolture presso il cimitero di Angri: Luigi Cagnazzi, uno dei custodi, ha deciso di puntare sul patteggiamento alla condanna di 1 anno e 10 mesi di reclusione.

Come riporta “Il Mattino”, Cagnazzi è accusato di truffa, violazione di sepolcro, falso ideologico e abuso d’ufficio. Intanto, sempre per la stessa inchiesta, altre 13 persone rischiano il processo. La truffa consisteva in un accordo tra il privato e i due custodi sulle false attestazioni di residenza del defunto. Il familiare, in questo caso, pagava 218 e non 900 euro per l’attività di inumazione. Evitando, inoltre, i costi per il trasporto della salma.

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Back to top button